Alcamo Marina, bagnini, al via da sabato il servizio

0
571

Aggiudicato dal Comune il servizio dei bagnini lungo la spiaggia di Alcamo Marina. Partirà sabato prossimo e sino al 31 agosto il personale della Società nazionale di salvamento, sezione di Alcamo, dalla spiaggia garantirà la sicurezza dei bagnanti. Per il decimo anno consecutivo sarà la società, presieduta da Ezio Vesco, a presenziare sulle spiagge e già in passato il personale ha salvato vite umane tanto da guadagnarsi encomi e targhe da parte del Comune. Sei le postazioni lungo i sette chilometri del litorale. Funzioneranno nella zona Petrolgas, Tonnara, ex casello ferroviario, Catena e due al Canalotto. Muniti di tutte le attrezzature, previste dalla legge, i bagnini lavoreranno in coppia nelle varie postazioni dalle 9 alle 14 e dalle 14 alle 19. Hanno a disposizione anche una postazione mobile, ovvero un gommone di cinque metri con motore di 40 cavalli, con il quale osserveranno dal mare i bagnanti. La spesa prevista è di 56 mila euro. “Invito i bagnanti – dice Ezio Vesco- alla massima prudenza poiché qui il mare aperto può riservare insidie e pericoli. Rispettare il divieto quando viene esposta la bandiera rossa. Il nostro personale sarà munito anche di binocoli”. E dal primo luglio al 31 agosto la stessa Associazione garantirà i controlli sulla spiaggia di Balestrate, che forma un tutt’uno con quella di Alcamo Marina. A Balestrate funzioneranno 4 postazioni con l’impiego giornaliero di sedici bagnini. Dal 20 luglio al 20 agosto una postazione per consentire ai disabili di raggiungere il mare. La spesa prevista è di 32 mila euro. Prevista la spesa di 3 mila e 500 euro per la postazione con tre unità cinofile soltanto nei fine settimana di luglio e agosto ad Alcamo Marina. Saranno realizzate “anche tre passerelle di cui una in zona Petrolgas, una in zona Tonnara e una in zona Canalotto, allo scopo di agevolare e facilitare l’accesso al mare dei bagnanti disabili e le operazioni di soccorso nei momenti di emergenza, per consentire maggiore rapidità di intervento del personale sanitario. Tutto in alto mare, invece per le spiagge di Castellammare, che lo scorso anno spese 42 mila euro per il servizio dei bagnini.