Alcamo, finalmente consegna dei lavori al Paladangelo. Tutto fermo per palatenda “Cento Passi”

0
414

7 luglio 2017 – 6 agosto 2019 Dopo due anni e un mese dall’entrata in possesso del PalaDangelo l’amministrazione comunale alcamese è riuscita a far partire i lavori di recupero e di ristrutturazione dell’imponente impianto sportivo costruito, dall’ex provincia regionale di Trapani, in appena 13 mesi. Sarebbe meglio utilizzare quindi ancora una volta il condizionale visto che diversi sono stati i proclami e gli impegni assunti dai vari assessori per rimettere in funzione la struttura che sorge in contrada Sant’Anna, a fianco della chiesa di Gesù Cristo Redentore. Adesso c’è comunque una data. Martedì prossimo 6 agosto verranno consegnati lavori alla ditta che si è aggiudicato l’appalto, un intervento complessivo di circa 90.000 euro. Ad onor del vero il comune di Alcamo ha sottoscritto due anni fa la convenzione di utilizzo ventennale con il Libero Consorzio quando il Paladangelo era già stato vandalizzato a causa della perdurante chiusura causata dal fallimento della Megaservice, società partecipata dell’ex provincia regionale. Fra inizio dei lavori e quant’altro, nonché completamento delle opere, è ovvio che il palazzo dello sport non potrà essere pronto per l’inizio della nuova stagione sportiva, sia per la preparazione che effettuano le varie squadre e nemmeno per l’inizio dei campionati. Bisognerà infatti poi testare ed eventualmente rimettere a posto le attrezzature, anche quelle elettroniche, e poi delineare la gestione dell’impianto. Insomma il palazzetto dovrà funzionare con personale del Comune o verrà assegnato in gestione a una delle principali società sportive della città? La speranza è che entro fine anno tutto possa essere deciso. Restano invece fermi i lavori di due altri impianti sportivi. La gara d’appalto per la ristrutturazione del Palaverga e la sostituzione della copertura è stata espletata ma ancora non è stato sottoscritto il contratto con la ditta aggiudicataria. Qui i tempi sono relativamente più lunghi. Inoltre la giunta Surdi vorrebbe effettuare i lavori, e quindi chiudere l’impianto di via Verga, quando ci fosse la possibilità di trasferire le società sportive nel nuovo palatenda I cento Passi che sorge nello spiazzo antistante gli spogliatoi dello stadio Catella. Qui però i lavori sono fermi da diversi mesi. Prima alcuni intoppi alla Diemmea, la ditta che ha ottenuto l’appalto, e poi una perizia di variante di cui si parla da almeno due mesi.  La variazione al capitolato è stata adesso effettuata ma deve essere ancora trasmessa al ministero dell’Interno, il dicastero che ha finanziato il palatenda I Cento Passi con i fondi del Pon sicurezza. Non è dato quindi sapere se e quando riprenderanno i lavori.