Alcamo, Enza Bono Parrino e la sua storia politica

E’ stata la prima donna nella storia della Sicilia a ricoprire la carica di ministro. Lei è l’alcamese Enza Bono Parrino, ex dirigente scolastica, che rivestì tale carica dall’aprile 1988 al mese di luglio del 1989 durante il governo di Ciriaco De Mita. Aprile 1988: dopo due giorni dalla nomina a ministro tornò ad Alcamo atterrando a Punta Raisi. Un chilometrico corteo di auto seguì quella in cui era Enza Bono Parrino accolta in piazza Ciullo da una folla immensa e poi nell’aula consiliare per il saluto del sindaco. Ora Enza Parrino ha deciso di raccontare in un libro la sua esperienza politica che sarà presentato sabato prossimo alle 17,30 al centro congressi Marconi. Parrino il cognome di Ciccio, marito di Enza Bono. Cicco Parrino, insegnante già vice sindaco e consigliere comunale del Psdi, amato per le sue grandi doti di umiltà e umanità. Cicco Parrino, ricoprì, tra l’altro, la carica di sottosegretario ai Beni culturali e Ambientali e quella di presidente della commissione Difesa del Senato, una delle cariche più alte dello Stato. Morì prematuramente a seguito di una grave malattia. Sollecitata da amici e alcamesi Enza Bono Parrino, scese in campo e divenne senatrice nella decima e undicesima legislatura. Ricoprì la carica di presidente del Psdi, capogruppo al Senato e fece parte di diverse commissioni. Lungo il curriculum politico di Enza Bono Parrino, che tentò alcuni anni fa la corsa come deputato regionale, ma non venne eletta. Al compianto Cicco Parrino e poi ad Enza Bono si deve, fra l’altro, l’interessamento e la realizzazione dello svincolo autostradale di Alcamo Ovest e per citare qualche altro intervento i finanziamenti per il restauro dei castelli di Alcamo, Castellammare e Calatafimi Segesta. Così come il tempestivo recupero della chiesa di Sant’Oliva, che venne gravemente danneggiata da un incendio che partì dal tetto, dove erano in corso lavori. Ora Enza Bono Parrino ha deciso di raccontare in un libro il suo lungo cammino nella politica.