Alcamo: da lunedì parte il pedibus

ALCAMO (TP) – Parte ad Alcamo il Pedibus. Si comincia in via sperimentale in due plessi: alla Lombardo Radice di via Maria Riposo e alla sede centrale dell’istituto comprensivo “Pietro Maria Rocca”. Dal Comune asseriscono che si comincia già da lunedì prossimo, 28 ottobre, e  si proseguirà il 29, 30 e 31 sempre di ottobre. La partenza è prevista per le 8,10 e la chiusura alle 12.30. Nelle prossime settimane sarà attivato anche nelle altre scuole che hanno aderito all’iniziativa. L’iniziativa è stata messa in campo attraverso l’ufficio del Mobility manager d’area del Comune di Alcamo, voluto dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Sebastiano Bonventre. Già dalla scorsa primavera si sono intrapresi una serie di incontri preparatori e riunioni tecniche per la individuazione dei percorsi. “E’ questo un primo traguardo – commenta il responsabile del mobility manager d’area, Francesco Amodeo – verso una mobilità sostenibile. Infatti con l’avvio del Servizio Pedibus i genitori e le famiglie insieme con l’amministrazione sono direttamente coinvolti in una azione partecipata volta a migliorare la nostra città”. Si tratta di un servizio strutturato di accompagnamento a piedi dei bambini nei loro percorsi da casa a scuola e viceversa; è una realtà diffusa in molte città d’Italia ed è un modo sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare a scuola e tornare a casa. Il Pedibus prevede un “convoglio” umano di bambini (alunni delle scuole elementari che si muovono in gruppo) accompagnati almeno da due adulti (un “autista” davanti e un “controllore” che chiude la fila). Hanno formalmente aderito all’iniziativa 5 scuole: Il Circolo Didattico “San Giovanni Bosco” e gli istituti autonomi comprensivi “Nino Navarra”, “Sebastiano Bagolino”, “Mirabella” e “Pietro Maria Rocca”. Per questa partenza in via sperimentale è stato distribuito un volantino alle famiglie per spiegare il funzionamento ed i punti di raccolta dei bambini. Con questa iniziativa a sfondo ecologico l’amministrazione comunale si propone soprattutto di migliorare la viabilità nelle ore interessate dagli orari di accesso a scuola e ritorno a casa degli alunni. Infatti specie tra le 8 e le 9 in prossimità delle scuole il traffico veicolare impazzisce con code che si formano in centro urbano. In tal senso un ruolo avranno i vigili urbani. Ma ci sono anche altri obiettivi da perseguire: supportare le famiglie nella gestione degli spostamenti quotidiani casa-scuola, promuovere l’autonomia dei bambini nei loro spostamenti quotidiani e nei processi di socializzazione tra coetanei, sensibilizzare i bambini e le famiglie ai temi della mobilità sostenibile, migliorare il livello di fruibilità e di accessibilità delle strade limitrofe alle scuole e in particolare dei percorsi pedonali e delle aree verdi circostanti.