Alcamo, conferenza su birra e cioccolato locale

La volontà di mettersi in gioco. Di programmare iniziative, destinate anche a creare lavoro e quindi occupazione puntando per esempio sul confezionamento di cioccolato e birra artigianale. E’ stato questo il filo conduttore della conferenza, promossa ieri dalla Delegazione di Alcamo-Castellammare dell’Accademia italiana della cucina e dal Rotary club. C’è chi della lavorazione del cioccolato, in tante sfaccettature e utilizzando sempre prodotti di prima qualità, ha fatto la sua professione. Parliamo dell’’imprenditore Isidoro Stelllino, che ha tenuto la relazione sul cioccolato artigianale alcamese e le se potenzialità di sviluppo. Gabriele Benenati, laureando in legge, da sei anni, si dedica con passione alla birra artigianale. Il tema da lui trattato è stato quello di Bevitori consapevoli, spiegando l’attività delle multinazionali della birra. Entrando nel merito di pubblicità che orientano il consumatore, ma che poi la qualità o le caratteristiche della birra non corrispondono alle aspettative. Un’analisi a 360 grandi quella di Gabriele Benenati, che ha dato consigli e suggerimenti, così come Isidoro Stellino parlando del cioccolato. Sulla birra e cioccolato fra mito e realtà ha parlato Adele Crescimanno, studiosa e scrittrice di testi sulla gastronomia siciliana. La conferenza si è aperta con il saluto di Liborio Cruciata, delegato della Accademia italiana della Cucina e di Maurizio Bambina, presidente del Rotary club di Alcamo e concluso con l’intervento di Rosa Cartella, coordinatrice per la Sicilia occidentale dell’Accademia.