Alcamo: commercio in crisi, presto il Suap

0
407

ALCAMO (TP) – Commercio e imprenditoria locale in crisi ad Alcamo. Le organizzazioni di categoria parlano di un -30 per cento di attività iscritte alla Camera di Commercio nell’ultimo anno. E non c’è neanche bisogno della statistica per rendersene conto: basta fare un giro per il centrale Corso VI aprile e rendersi conto che c’è una saracinesca abbassata ogni due attività aperte. In merito si è tenuto un vertice al palazzo di città tra l’amministrazione comunale, gli esercenti e le varie organizzazioni di categoria e sindacali. L’assessore alle Attività produttive, Ottilia Mirrione, ha annunciato che a strettissimo giro di posta sarà attivato il Suap, lo sportello unico per le attività produttive. Fungerà da vero e proprio centro per commercianti e imprenditori in crisi a cui saranno garantite consulenze a titolo gratuito. Ma certamente questa non è la panacea di tutti i mali. Inevitabilmente la questione è caduta sull’eccessiva pressione fiscale che stanno subendo i commercianti e gli imprenditori, indicata come una delle principali cause della chiusura d molte attività. E sale la preoccupazione in particolare per l’imminente ingresso della Tares, la nuova tassa sui rifiuti, a cui il Comune dovrà fare fronte con un aumento dell’imposta di circa il 20 per cento secondo quanto dettato dalle nuove normative che impongono agli enti locali la copertura totale del costo del servizio. La giunta municipale sta pensando a spalmare il milione e mezzo di euro in più che proprio i commercianti ed imprenditori dovranno pagare in più quest’anno.

E’ stato un vertice che, seppur pacato nel confronto, non ha fatto mancare i suoi momenti di discussione accesi. Infatti i commercianti e gli imprenditori non hanno risparmiato critiche all’esecutivo alcamese accusandolo di non avere mai ricercato il confronto sino ad oggi, si essersi chiuso nelle stanze del palazzo municipale non trovando mai adeguate risposte alle esigenze delle varie categoria produttive. In particolare è stato chiesto che iniziative del genere possano ripetersi ciclicamente e non sia quindi un episodio isolato, ed ancora è stata sollecitata  una migliore e più efficace pianificazione.