Alcamo-Chiesa di Santa Maria, cerimonie dedicate al Beato Arcangelo

0
241

Si concludono oggi le cerimonie religiose dedicate al Beato Arcangelo che si svolgono presso la chiesa di Santa Maria di Gesù di Alcamo. A conclusione del Triduo oggi alle 18 la santa messa, presieduta da fra Benedetto Lipari, professore della storia della chiesa. Subito dopo si svolgerà la processione alla Grotta del Beato. Grande la partecipazione dei fedeli, che ieri pomeriggio dopo la messa, hanno partecipato alla presentazione dell’opuscolo che racconta la vita di fra Pietro Barone, vissuto in odore di santità. A raccontare la vita di fra Pietro è stato lo storico Roberto Calia, dopo il saluto del guardiano fra Tonino Bono. Presenti i discendenti di fra Pietro e grazie all’impegno di Bartolomeo Lanzarone è stato dato alle stampe l’opuscolo. Ma è grande la devozione verso il Beato Arcangelo, che nacque nel 1390 dalla nobile famiglia Placenza di Calatafimi e sin dalla fanciullezza si mostrò inclinato alla pietà e all’ amore verso gli umili. Ad Alcamo si impegnò a rilanciare l’ospedale di Sant’ Antonio, in stato di abbandonato, e nel tempo libero si ritirava nella vicina grotta, detta del Beato Arcangelo, per pregare. Predicò la parola di Dio. Morì ad Alcamo il 24 luglio del 1460. Numerosi miracoli sono avvenuti presso la sua tomba e il culto a lui rivolto è stato approvato da papa Gregorio XVI.