Alcamo-Cane azzanna un uomo in zona Aleccia, è allarme randagismo

ALCAMO – Una tranquilla passeggiata sul lungomare di Alcamo marina da qualche mese a questa parte può trasformarsi in un incubo. Nei giorni scorsi si è verificata un’altra violenta aggressione da parte di un cane randagio: un uomo di 40 anni è stato azzannato al braccio ed è finito in ospedale. L’episodio si è consumato all’altezza della zona “Aleccia”. L’animale di grossa taglia sarebbe sbucato dal nulla e con fare minaccioso si sarebbe avvicinato al quarantenne che era in compagnia della moglie. Nel tentativo di difendere la consorte l’uomo ha allungato l’avambraccio che gli è stato letteralmente azzannato. Sono stati attimi di grande paura anche se fortunatamente la vittima dell’aggressione è riuscita a divincolarsi in pochi secondi mettendo in fuga l’animale. Per il quarantenne però è stato necessario il ricovero al nosocomio alcamese dove gli sono stati applicati due punti di sutura. Questo è il secondo episodio del genere che accade quest’anno ad Alcamo marina: una prima volta, nel maggio scorso, un’altra persona fu morsa sempre da un randagio e fu necessario anche in quel caso il ricovero all’ospedale cittadino. Ma il fenomeno del randagismo non si circoscrive soltanto a questi due episodi sfociati in vere e proprie violente aggressioni: si sono susseguite altre segnalazioni di tentate aggressioni o comunque di cani in branco minacciosi che si aggirano sul lungomare di Alcamo marina e anche nelle stradine interne. Secondo le testimonianze alcuni per salvarsi si sarebbero rinchiusi nei propri villini, altri ancora addirittura si sarebbero gettati a mare. Una paura che va crescendo di giorno in giorno e che è particolarmente sentita soprattutto nel periodo estivo quando l’area costiera viene presa d’assalto da turisti e villeggianti. “Abbiamo già più volte segnalato casi preoccupanti di randagismo al Comune – sottolinea il consigliere comunale di Abc, Sebastiano Dara – ma non abbiamo ancora ricevuto alcuna risposta. Mi auguro che non si aspetti per intervenire che si verifichi la disgrazia”. Il comandante dei vigili urbani, Giuseppe Fazio, ha già avuto modo di sottolineare che la questione la stanno affrontando di concerto i caschi bianchi con il Settore Ambiente. Lo stesso Fazio ha ammesso che diverse sono state le segnalazioni giunte al comando di branchi di cani minacciosi che si aggirano ad Alcamo marina. L’ufficio Ambiente, secondo notizie in possesso del capo dei vigili urbani, ha già attivato tutte le risorse per accalappiare gli animali più pericolosi che vengono segnalati.