Alcamo-Bici a pedalata assistita per associazioni e strutture ricettive

0
528

In via di attivazione ad Alcamo 40 biciclette a pedalata assistita. Un acquisto da parte del Comune di Alcamo, pari a quasi 50 mila euro, che è stato possibile fare attraverso un finanziamento concesso dal Gal Golfo di Castellammare nell’ottica della promozione turistica e del territorio in generale. Il municipio ha stabilito che queste due ruote saranno assegnate anche ad associazioni e strutture ricettive che ne faranno richiesta a titolo gratuito per un anno. Delle 40 bici 15 saranno assegnate alle associazioni e altre 10 ad alberghi, affitta camere o bed and breakfast. Sarà sottoscritto tra il Comune e l’ente affidatario un contratto di comodato d’uso che avrà la durata di un anno. L’obiettivo è quello di promuovere per i turisti una mobilità sostenibile, quindi uno spostamento nel territorio alcamese con mezzi assolutamente ecologici, evitando quindi l’utilizzo di mezzi a motore inquinanti e che possono ulteriormente congestionare il traffico veicolare cittadino già di suo abbastanza atrofizzato. Sarà stilata una graduatoria in base ad un punteggio di merito assegnato ad ogni richiedente che garantirà anche una promozione turistica di Alcamo. Dopodichè il Comune stipulerà il contratto che prevede una serie di obblighi per chi usufruirà delle biciclette. Cosa più importante di tutte è quella che le due ruote dovranno essere messe a disposizione dei clienti delle strutture ricettive e di chi ne usufruirà dalle varie associazioni in modo completamente gratuito. Le istanze andranno presentate entro il prossimo 17 giugno. Le rimanenti biciclette delle 40 acquistate saranno verosimilmente parcheggiate in piazza Ciullo e messe a disposizione di chiunque ne farà richiesta. La bicicletta a pedalata assistita è una bici alla cui azione propulsiva umana si aggiunge quella di un motore. E’ un mezzo molto silenzioso, non ha nessuna emissione inquinante durante il funzionamento ed assicura qualche decina di chilometri di autonomia usando l’assistenza del motore. In passato il Comune ha goduto di altri finanziamenti simili per l’acquisto di mezzi ecologici ma hanno avuto una brevissima durata: persino un autobus elettrico è rimasto fermo ai box e sostanzialmente mai utilizzato. Si spera che questa sia la volta buona affinchè Alcamo possa finalmente avere un servizio del genere.