Alcamo, acqua fognaria in strada da un mese, nei pressi di un asilo-nido

0
725

Non una delle numerosissime perdite d’acqua potabile che allagano, giorno dopo giorno, le strade di Alcamo, da nord a sud, da est ad ovest passando pure per il centro. L’odore, anzi il puzzo nauseabondo, non può sbagliare. Quella che da questa mattina scorre più copiosa del solito, è acqua fognaria che fuoriesce da un tombino che sorge a pochi metri dall’asilo nido “Gianni Rodari” frequentato da piccolissimi bambini dai zero ai tre anni. La perdita esiste da circa un mese ma mentre fino a un paio di giorni fa si trattava soltanto di un rivolo, seppur puzzolente e sempre fognario, adesso è divenuta molto molto copiosa. Il liquido ha allagato la sede stradale dinanzi all’asilo nido scorrendo proprio nella cunetta che viene attraversata dai pedoni per entrare nella struttura comunale. La puzza e il liquido si espandono poi per quasi tutta la via Salvo D’Acquisto dove sorge anche un bar-pasticceria. La situazione va avanti da circa un mese, come ci hanno confermati alcuni abitanti della zona, quella del villaggio regionale, e anche, ovviamente, nelle giornate del mercoledì, quelle in cui si tiene il mercatino settimanale. Gli alcamesi che si recano in mezzo alle bancarelle si sono trovati a effettuare gli acquisti dovendo camminare sopra il liquido fognario fuoriuscito e sopportare la puzza talvolta nauseabonda. Poco più giù dall’incrocio in cui sorge l’asilo nido “Rodari” trovano posto anche gli ambulanti che vendono frutta, verdura, formaggi e pesce fresco. Una situazione che potrebbe quindi anche creare problemi di natura igienico-sanitaria. Il comune di Alcamo, però, finora non è intervenuto e nessuno ha almeno pensato di interdire la zona. Ambulanti, cittadini, pedoni, frequentatori dell’asilo nido continuano quindi a camminare in mezzo a quel puzzoso e pericoloso liquido.