Affluenza alle urne in forte calo in Sicilia

    Alle ore 22 di ieri sera, alla chiusura delle urne, nei 390 comuni siciliani nei quali si è votato per eleggere il presidente della Regione e rinnovare l’Assemblea regionale, l’affluenza è stata del 47,42% degli aventi diritto, pari a 2.203.885 elettori.

    Nel 2008, quando, però, si votò anche di lunedì e in contemporanea alla Camera e al Senato, si recò alle urne il 66,68%. In precedenza, nel 2006, quando le urne, come adesso, rimasero aperte solo di domenica, votò il 59,16%. Prima ancora, nel 2001, la percentuale era stata del 63,47%.

    Il Comune con la percentuale di affluenza più alta è Maniace (Ct) con il 77,76%, quello con la più bassa, invece, Acquaviva Platani (Cl) con il 20,68%. La Provincia con la percentuale di affluenza più alta è Messina, con il 51,32%, quella con la più bassa Caltanissetta con il 41,34%.

    Lo spoglio delle schede è iniziato alle 8. I dati sono diffusi dal servizio elettorale regionale, al quale sono trasmessi dalle nove prefetture.

    Nella provincia di Trapani ha votato il 47,55% pari cioè a 183.089 elettori dei 385.067 aventi diritto.

     

    Nello specifico: Alcamo con il 59,2%; Buseto Palizzolo 47,36%; Calatafimi Segesta 40,14%; Campobello di Mazara 44,29%; Castellammare del Golfo 44,81%; Castelvetrano 45,81%; Custonaci 48,6%; Erice 44,61%; Favignana 39,83%; Gibellina 54,59%; Marsala 45,83%; Mazara del Vallo 50,25%; Paceco 50,49%; Pantelleria 30,75%; Partanna 48,35%; Petrosino 54,86%; Poggioreale 53,4%; Salaparuta 47,36%; Salemi 51,97%; San Vito Lo Capo 39,07%; Santa Ninfa 52,09%; Trapani 43,13%; Valderice 50,76%; Vita 52,03%.

    Alcamo dunque è il comune con la più alta percentuale di affluenza, Pantelleria registra l’affluenza più bassa.

    Aggiornamenti in diretta televisiva, su Alpa uno, a partire dalle 10:30.