Aeroporto Birgi, associazioni fanno pressing sui sindaci

0
380

Le associazioni trapanesi decise a fare pressing per fare rispettare gli impegni assunti dai Comuni con la sottoscrizione dell’accordo di co-marketing e scongiurare così l’eventuale abbandono da parte di Ryanair dello scalo aeroportuale di Birgi.

Trapani cambia, Turismo&territorio, Agriturist, Trapani per il futuro, Cives, Progetto per Trapani, Co.Di.Ci (Centro per i diritti del cittadino) hanno trovato l’intesa sul punto ed hanno tutte insieme, per la prima volta, concordato un’iniziativa comune riguardo all’assemblea dei sindaci indetta per domani “nell’interesse della città e del suo sviluppo”, scrivono in una nota congiunta.

“Consapevoli delle gravissime ripercussioni sull’eventuale decisione di Ryanair di chiudere la base di Trapani e lasciare il nostro scalo aeroportuale, in caso di ulteriore inadempimento, le associazioni hanno stabilito di volere essere fisicamente presenti con un presidio sul posto in attesa delle determinazioni che i sindaci vorranno assumere a partire dalle ore 10”.

Dopo una approfondita discussione, durante la riunione della scorsa settimana della Giunta della Camera di Commercio di Trapani, il presidente Giuseppe Pace ha deciso, infatti di convocare, per domani, l’assemblea dei sindaci, con all’ordine del giorno la situazione dei pagamenti e le sue dimissioni dal comitato di co-marketing. Mancano all’appello, ancora difatti, le quote di diverse amministrazioni, mentre altri enti non hanno ancora saldato il 2014. Sulle sue dimissioni, su cui è stato invitato a fare un passo indietro, il presidente dell’ente camerale si è, in pratica, “riservato di decidere”, ponendo precise condizioni, a partire dalla reale presenza di tutti i primi cittadini all’incontro di domani:“Dall’esito della riunione, ed in particolare dagli impegni che i sindaci dei comuni della provincia di Trapani si assumeranno – aveva dichiarato Pace – si trarranno le dovute conclusioni”. Anche la Cisl richiama tutti i sindaci alla responsabilità: “Il territorio di Trapani non può permettersi di perdere la presenza di Ryanair che rappresenta una importante occasione di sviluppo per il settore cruciale del turismo e per tutta l’economia trapanese” afferma il sindacato. I sindaci sono dunque avvertiti: tutti hanno gli occhi puntati addosso a loro. Le associazioni hanno anche chiamato a raccolta la cittadinanza: “Per sostenere le ragioni del rispetto dell’ impegno assunto nei confronti della Ryanair – scrivono nel documento – rivolgiamo un appello a tutti i cittadini che vogliono condividere con noi il pressante momento di attesa delle determinazioni speriamo risolutive”.