50 immigrati clandestini in fuga

    Cinquanta immgrati clandistini sono fuggiti la scorsa notte dalla struttura, riuscendo a far perdere le proprie tracce. Alcuni di loro sono stati rintracciati dagli agenti della squadra volante della questura del capoluogo, nascosti nei terreni circostanti. Altri sono stati bloccati mentre vagavano, senza meta, per la campagna trapanese. Un extracomunitario è stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso per le ferite che si era procurato nelle concitate fasi della fuga. Le modalità dell’allontamento – l’ennesimo da quando è stato inaugurato l’immobile – sono ancora da accertare. Sta di fatto, però, che ancora una volta un gruppo di tunisini e marocchini – tutti giovani di età compresa tra i 21 e i 29 anni – è riuscito a tagliare la corda. Le fughe ormaiavvengono con cadenza quotidiana. O quasi. Sintomo del malessere che serpeggia nel centro realizzato alla periferia della città. Malessere che coinvolge anche gli agenti di polizia. Sono pochi, quelli in servizio, e rischiano, tutti i giorni, la propria incolumità. Le istanze e gli appelli dei sindacati di categoria, però, finora sono tutti caduti nel vuoto.