Wolly Cammareri non c’è più. Una vita davanti ai microfoni di radio e TV

0
113

Una vita davanti al microfono. Radio, televisione, direzione di TG, DJ, spettacoli e anche voce ufficiale della processione dei Misteri. All’età di 69 anni, dopo diversi problemi di salute, se ne è andato stanotte Salvatore Cammareri, per tutti Wolly. Una carriera televisiva sterminata che però era cominciata con la radio. Un percorso professionale che lo aveva portato sino a Rai Radio 2. Ha lavorato come speaker, dj e giornalista a Radio Trapani Centrale, Radio Sprint, Radio Monte Erice poi, per Wolly, arrivò la televisione. Gli inizi a Tele Radio Valderice poi RTC con l’editore Puccio Bulgarella, uno dei costruttori più facoltosi del tempo, ed il periodo della collaborazione con la cooperativa Saman di Francesco Cardella e Mauro Rostagno. Infine a Telesud.

Davvero lungo è stato l’elenco delle trasmissioni che si sono identificate con Wolly, il loro ideatore: “Paese Mio, un format pazzesco condotto con una professionalità degna di emittenti nazionali, quando, ed erano gli anni 80…, lui faceva meglio di quello che si vede ora su tante reti nazionali” – ha detto lo scrittore e amico di Wolly, Giacomo Pilati. A Telesud, invece, su tutte, Grand Hotel e Agorà che condusse fino agli ultimi giorni di direzione del telegiornale, prima che il maledetto diabete lo “costringesse” alla pensione. Fra le tante passioni di Wolly Cammarei quelle legate alla gastronomia siciliana, alle tradizioni e al circo. Un mondo di interessi a 360 gradi in cui Cammareri cercava sempre di vivere da protagonista.

Con Wolly se ne va un pezzo di storia locale, televisiva o radiofonica che sia. E’ stato un pioniere ma aveva la capacità di mettersi al pass con i tempi e quindi d mettersi sempre in gioco. Ha anche diretto il telegiornale di TeleSud, emittente televisiva trapanese, subentrando a Rocco Giacomazzi. Chi vorrà rendere omaggio alla salma di Cammareri potrà farlo dalla tarda mattinata di domani presso la sala del commiato delle onoranze funebri Occhipinti di via Virgilio, a Trapani. Nel pomeriggio gli interventi delle persone a lui più vicine. Nessuna funzione religiosa, quindi, e salma che verrà poi cremata. Lo aveva chiesto lo stesso Wolly.