Trapani Torna-Stragusto, il Festival del cibo da strada

0
684

 

2Com’è oramai tradizione, nel cuore di Trapani, nella suggestiva piazza Mercato del Pesce torna, dal 27 al 31 luglio, Stragusto, la festa del cibo da strada e dei mercati, giunta alla sua ottava edizione. Cinque intensi giorni per un’ideale giro del mondo attraverso il cibo da strada, alla scoperta di diverse culture e tradizioni regionali nell’atmosfera tipica degli antichi mercati. Un evento ormai atteso, che accoglie i sapori del mondo dello street food, con le sue tradizioni ma anche con le sue innovazioni, considerata la sua continua evoluzione insieme alle abitudini e ai gusti dei popoli. Ancora una volta si potrà percorrere un viaggio ideale tra i sapori nazionali e internazionali: non mancheranno alcune fra le tipicità più richieste dagli appassionati, come il panino al lampredotto dello street chef fiorentino Luca Cai e le tante eccellenze siciliane, fra cui le panelle, le arancine, lo sfincione, la frittura di pesce, il cùscusu, il polpo bollito. Si potranno gustare i “quagghi”, ovvero le melanzane fritte alla palermitana a cura dello chef Francesco Pinello, i sapori friulani, e lo street food umbro, direttamente da “Porchettiamo”, il festival delle porchette d’Italia. Il giro del mondo continua con il cibo da strada palestinese, quello delle Madonie e un particolarissimo street food d’autore a cura dello chef Marcello Valentino. Un grande ritorno quest’anno è quello della granita artigianale della Nivarata, il Festival che ogni anno si svolge ad Acireale. Fra i dolci quelli del Torronificio delle Madonie e quelli artigianali, realizzati a mano e con estrema cura dalle signore di Calatafimi. Oltre ai prodotti in degustazione, rigorosamente preparati dal vivo, all’interno della manifestazione ci saranno momenti di intrattenimento e didattici come cooking show e laboratori di cucina, perché lo street food è un’eredità culturale da tutelare. L’obiettivo dell’iniziativa è, infatti, quello di recuperare e valorizzare il grande patrimonio offerto dai produttori del cibo da strada, veri e propri artigiani del gusto, che tramandano di generazione in generazione la tradizione culinaria della propria zona.