Trapani, sequestro da 6 mln a gioielliere

0
2148

Dichiarava redditi molto modesti, eppure aveva accumulato nel tempo un notevole patrimonio: il valore complessivo stimato supera i 6 milioni di euro. Si tratta dei beni mobili e immobili oggetto del decreto di sequestro ai fini della successiva confisca, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani, presieduta da Piero Euro Nicola Grillo ed eseguito dalla Guardia di Finanza. Il patrimonio è riconducibile ad un imprenditore trapanese operante nel settore dell’oreficeria e del commercio di oro Marcello Tumminia, di 52 anni. Il provvedimento è scaturito da una serie di complesse indagini economico-patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Trapani, in particolare dal Procuratore Capo Marcello Viola e dal Sostituto Procuratore Andrea Tarondo. L’attenzione delle Fiamme Gialle si è concentrata sull’ingente patrimonio che era stato accumulato nel decennio 2002/2012: l’imprenditore ne è risultato proprietario direttamente o tramite i propri familiari. Gli accertamenti patrimoniali eseguiti con pazienza certosina dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno consentito di dimostrare che l’enorme ricchezza accumulata era direttamente riconducibile all’attività illecita svolta dall’uomo e pertanto assoggettabile a sequestro e confisca secondo la legislazione vigente. “Nello specifico- fanno sapere gli inquirenti – ai sensi del decreto legislativo n. 159 del 2011, è stata evidenziata la «pericolosità sociale» dell’imprenditore”, in considerazione di quanto emerso a seguito delle condanne per i reati di associazione per delinquere, usura, ricettazione, estorsione, favoreggiamento personale, simulazione di reato ed esercizio abusivo di attività finanziaria. Il sequestro ha riguardato, in particolare: l’intero complesso aziendale di una società di capitali operante nel settore “gioiellerie ed orologerie” a Trapani e San Vito Lo Capo, un grosso quantitativo di oggetti preziosi e articoli di gioielleria, otto immobili, due auto e diversi conti correnti e rapporti bancari.