Trapani, Ingroia il nuovo commissario della Provincia

Sarà Antonio Ingroia il nuovo commissario straordinario della Provincia Regionale di Trapani al posto di Darco Pellos che ha lasciato l’incarico per una nuova destinazione. Il provvedimento è stato firmato ieri pomeriggio dal presidente della Regione, Rosario Crocetta. “Mandiamo Ingroia nella terra di Matteo Messina Denaro”, ha detto il governatore.

Si apre dunque un nuovo capitolo per l´ex magistrato per lungo tempo impegnato in prima linea nella lotta alla mafia: diverse le inchieste da lui condotte sulle cosche trapanesi.

Fino al 2012, nelle vesti di pubblico ministero alla Procura di Palermo, ha portato avanti, tra gli altri, i processi a carico di Marcello Dell´Utri e quello sulla trattativa Stato-Mafia. Ha anche rappresentato la pubblica accusa nel processo a carico dei presunti assassini del giornalista Mauro Rostagno, prima di dimettersi per candidarsi come premier alle ultime elezioni politiche del 2013, a capo della lista Rivoluzione Civile. Dopo le elezioni, dall´11 aprile al 19 giugno è stato sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Aosta.

Il senatore trapanese Antonio D’Alì ha commentato così  la nomina “Apprezzo la prontezza con cui il Presidente Crocetta ha risposto al mio appello per colmare quella che era un imperdonabile omissione, e cioè il vuoto dei vertici di governo della Provincia Regionale di Trapani. Nel formulare i migliori auguri e assicurare il mio sostegno al dott. Ingroia, esprimo la certezza che egli nato in questo territorio ne saprà interpretare le esigenze e recuperare l’attenzione del Governo regionale su importanti realtà economiche, culturali e sociali recentemente dimenticate, per non dire bistrattate”. “Ho offerto la mia disponibilità – ha dichiarato Ingroia – per proseguire un percorso istituzionale, non politico. Non lascio la guida di Sicilia e-servizi, anzi il nuovo incarico è in continuità con la mia attuale esperienza. Anche la Provincia di Trapani ha delle società partecipate su cui fare luce. Oggi come ieri in magistratura sono al lavoro per fare pulizia”. Il leader di “Rivoluzione Civile” avrà parecchio da fare a Trapani: a partire dalla Megaservice, la società messa in liquidazione con un futuro attualmente indecifrabile per i lavoratori e, poi, la questione dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, la Biblioteca Fardelliana e il Consorzio Universitario. Nelle altre province dell’isola, intanto, dovrebbe invece rimanere tutto invariato per i commissari che resteranno in carica fino a giugno, a meno che, nel frattempo, non salti la riforma che abolisce le Province.

Turning to inventory optimization
isabel marant shoes Choose some Leopard to update your wardrobe

10 excellent out of every get cartoons we would like rear
chanel espadrillesSTP Wolverine 1000 Mile Lace