“Stop sexting and Revenge porn”, campagna di sensibilizzazione nelle farmacie

0
160

“Stop Sexting and Revenge porn”, questo il titolo della campagna di sensibilizzazione promossa dall’organizzazione “Mete onlus, presieduta da Giorgia Butera, con il patrocinio di “Federfarma” Palermo, in arrivo nelle farmacie. L’iniziativa, parte dalle farmacie di Palermo e provincia e si estenderà poi a tutte le altre 19 mila distribuite sul territorio nazionale. L’obiettivo è quello di contrastare i fenomeni del Sexting e del Revenge porn, diffusi soprattutto nelle scuole medie inferiori.

Il primo, il sexting, consiste nell’ attività di condivisione di contenuti di carattere sessuale tra utenti (messaggi, foto e video di carattere sessualmente esplicito), attraverso l’uso di mezzi digitali quali lo smartphone, le reti sociali e le piattaforme di messaggistica. Il Revenge porn consiste nella c.d. “vendetta pornografica” nei confronti delle vittime ignare o non consenzienti alla diffusione delle proprie foto/video sessuali. In Italia, il reato di revenge porn è stato introdotto con il c.d. Codice Rosso del 2019 e prevede l’inasprimento di pene per reati, già previsti dal codice penale e l’introduzione di nuove fattispecie di reato.