Preghiere nella chiesa Madre di Alcamo per ordinazione diaconale

0
186

Mercoledì prossimo alle 20 un momento di preghiera nella chiesa Madre di Alcamo, presieduto dall’arciprete don Aldo Giordano, e organizzato dall’Azione Cattolica in preparazione dell’ordinazione diaconale dell’alcamese Piero Vilardi, Alfonso Rocca di Nubia e   Salvatore Torregrossa di Trapani. La cerimonia dell’ordinazione diaconale sarà celebrata a Trapani venerdì 31 maggio nella cattedrale di San Lorenzo alle 18. Un momento di solennità religiosa che sarà presieduta dal vescovo Pietro Maria Fragnelli. Ad Alcamo da 17 anni opera un diacono permanente Francesco Pizzo nella chiesa di Gesù Cristo Redentore. Un lungo percorso religioso per potere tagliare il traguardo e diventare diaconi permanenti. Sono coloro che scelgono di essere ordinati in quest’ordine per servire la comunità cristiana senza potere diventare presbiteri. Il loro compito principale è quello di proclamare il Vangelo durante la Messa. I diaconi, che sono al servizio dei preti e dei vescovi possono amministrare il Sacramento del Battesimo. Fungono da assistenti durante la celebrazione dei matrimoni e da coordinatori per il ministero della carità e hanno l’autorità di predicare la Parola di DioAlcamo famosa per le sue chiese, per conventi e monasteri. Ma oggi restano solo 10 sacerdoti diocesani più cinque i salesiani e 5 frati francescani minori. La crisi delle vocazioni fa da contrappunto alla grande partecipazione degli alcamesi alle celebrazioni religiose. Numerosi invece i ministri straordinari della comunione operanti nelle dieci parrocchie alcamesi. Portano la comunione nelle case a persone, la maggior parte anziani, che non possono recarsi in chiesa.