Piantagione di marijuana, arrestato 68enne

    Arrestato ieri, a San Cipirello, il pluripregiudicato Cosmo Spica, 68 anni, con diversi precedenti specifici anche per coltivazione e detenzione di marijuana.

    L’uomo si era recato in caserma con il figlio per denunciare di aver rinvenuto alcune piante su un suo terreno in contrada Argivocale dove, a suo dire, non si recava da qualche tempo.

    Il sopralluogo dei militari ha evidenziato che sul posto c’erano ben 299 piante di altezza compresa trai 70 e 150 cm.

    Ma il racconto dell’anziano, già gravato da precedenti proprio per analoghi reati, è sembrato abbastanza inverosimile, e piuttosto frutto di un maldestro tentativo di schivare le responsabilità derivanti dai controlli dei militari che, solo in quell’area, hanno già sequestrato due grosse piantagioni, traendo in arresto ben quattro persone solo nell’ultimo mese.

    La ricostruzione dei Carabinieri è che Cosmo Spica, plausibilmente preoccupato dai controlli che stavano sempre più stringendo il cerchio anche attorno al suo appezzamento, abbia preferito abbandonare il fondo per qualche tempo, per poi denunciare il rinvenimento della piantagione, come se fosse opera di altri.

    Inutile la messinscena, giacché il cospicuo numero di piante, in un terreno generalmente coltivato dall’uomo, è apparso ai militari in assoluta contraddizione con un rinvenimento estemporaneo.

    Per l’uomo sono dunque scattate le manette ed è stato tradotto presso l’Ucciardone in attesa di convalida mentre la piantagione è stata completamente estirpata e distrutta sul posto a mezzo fuoco.