Partinico, due denunce per abusivismo

    Numerose violazioni delle norme in materia di prevenzione degli infortuni e sicurezza sui luoghi di lavoro, e l’identificazione di sei lavoratori, risultati tutti privi di un regolare rapporto di lavoro. È questo l’esito di un accesso ispettivo effettuato presso un’area ubicata in contrada Calatubo – Incandela a Partinico, interessata da lavori edili per la realizzazione di un impianto di produzione di calcestruzzo, da parte dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Palermo, insieme ai colleghi della Stazione di Balestrate.

    Nel corso dei controlli, volti al contrasto di tutte quelle forme di illeciti che deturpano l’habitat, i militari hanno accertato e contestato tali violazioni, per le quali è stata attivata la procedura propedeutica per l’estinzione dei reati in via amministrativa per una somma complessiva di circa 73 mila euro.

    E’ stata, inoltre, riscontrata la realizzazione di un’opera in cemento armato in assenza della prescritta concessione edilizia.

    Sono, pertatnto, stati deferiti in stato di libertà una donna di 38anni, C. C., nella qualità di committente dei lavori e proprietaria del fondo, e un imprenditore di 51 anni O. F., nella qualità di datore di lavoro e titolare dell’omonima ditta esecutrice dei lavori, entrambi di Partinico.

    L’area e le opere abusive su di essa realizzate sono state poste sotto sequestro ed affidate in custodia alla stessa proprietaria dell’area.