Partinico: Comune, dirigenti “decapitati”

0
385

PARTINICO. Manovre di palazzo ai vertici dirigenziali del Comune? Per Rifondazione comunista sicuramente sì, non per l’amministrazione comunale che parla di nuovo e legittimo assetto. Esplode la bufera al Comune per l’ultima disposizione di servizio che impone lo spostamento di un ingegnere dell’Ufficio Tecnico, Nunzio Lo Grande, in un altro ufficio di fresca costituzione, lo Sportello Europea di cui onestamente si hanno poche tracce almeno sino ad oggi. Decisione che arriva a distanza di qualche mese da un’altra “decapitazione” eccellente, quella dell’architetto Enza Quartuccio, che ha per lungo tempo anche guidato il Settore Lavori pubblici salvo poi essere rimossa addirittura dai vertici apicali dell’ente. “Ad amplificare la gravità delle azioni di questo sindaco – denuncia Rifondazione – è la notizia che il Comune ha avviato le procedure per l’assunzione di un ingegnere, inquadrato in categoria D3 che era già completa. In pratica un costoso stipendio in più ai danni dei contribuenti in un ufficio che al contempo viene privato di altri uomini e in una struttura organica che viene costruita come una piramide rovesciata, cioè con tanti dirigenti e poche braccia operative. Abbiamo il sospetto che siamo in presenza di opere punitive. Un buon primo cittadino – aggiungono gli esponenti della falce e martello – dovrebbe provare a valorizzare al massimo tutte le competenze di cui dispone facendo lavorare degnamente ognuno al posto che gli compete. Invece a Partinico, senza alcuna ragione logica, si allontana un ingegnere da un ufficio già in difficoltà ma si assume contemporaneamente un nuovo dirigente. Tanto a pagare le manovre del sindaco Lo Biundo sono sempre i cittadini di Partinico”. Non ci sta però l’amministrazione che smentisce su tutta la linea la tesi di Rifondazione: “Quando Rifondazione appoggiava il sindaco Giuseppe Motisi nel 2006 e cambiò il caposettore ai Lavori pubblici la dovrei considerare una spedizione punitiva? – è la domanda retorica dell’assessore Giovanni Pantaleo -. Non v’è stata alcuna manovra politica, al contrario stiamo potenziando l’ufficio Europa che avrà una centralità importantissima in tema di programmazione dei fondi comunitari 2014-2020”. Qui saranno dirottati proprio la Quartuccio, che ne diventerà responsabile, e Lo Grande: “Proprio perché vogliamo garantire dignità e rispetto della professionalità – aggiunge Pantaleo – faremo in modo di comporre questo ufficio che per noi diventerà strategico. Le accuse strumentali le rimandiamo al mittente sicuri di lavorare nella giusta direzione a garanzia dell’implementazione di servizi in favore della cittadinanza”.

you could lay low in your shed for a month
woolrich jacken Doubletree Guest Suites Anaheim Resort

with most items in the
louis vuitton handtaschen
The 8 Creepiest Places on Earth Part 4