Orestiadi di Gibellina. Cartellone di qualità e si festeggiano i 40 anni

Tornano le “Orestiadi” a Gibellina e festeggiano 40 anni di scena teatrale al Cretto. Dal 9 luglio al 7 agosto, la 40esima stagione del festival, realizzato dalla Fondazione Orestiadi e diretto da Alfio Scuderi dispiegherà un cartellone a Gibellina che si aprirà con un’inedita lettura scenica di Vincenzo Pirrotta che riprende in mano il testo fondatore della rassegna, firmato Emilio Isgrò. Era il 1983 e a Gibellina andava in scena “Orestea”, nel siciliano poetico di Isgrò che rivive nel dialetto sanguigno di Pirrotta, che interpreta il primo dei testi della trilogia, “Agamènnuni”, con le musiche di Alfio Antico. Il filo della storia di Gibellina si riavvolge per intero.

Tra i titoli storici del festival c’è anche la figura di Giufà, il personaggio della cultura popolare, raccontato attraverso il “Laboratorio Giufà” (10 e 11 luglio) un progetto in due appuntamenti guidato da Francesca Corrao, composto dallo spettacolo inedito “Aspettando Giufà” di Claudia Puglisi. In prima nazionale, debutta lo spettacolo “Pezzi da Museo” (17 luglio) di e con Silvia Ajelli, con la partecipazione straordinaria di Simona Marchini: cinque attrici, cinque muse e portatrici d’arte attraverso il gesto e la parola. Tra i lavori attesi, l’inedito “Totò e Vicè” di Franco Scaldati, diretto da Giuseppe Cutino, con Rosario Palazzolo, Anton Giulio Pandolfo, Egle Mazzamuto e Sabrina Petyx (30 luglio). E tra i big al festival ci sono anche Claudio Gioè, voce della drammaturgia di Roberto Andò ispirata al testo di Leonardo Sciascia “La notte delle lucciole”, omaggio allo scrittore di Racalmuto nel centenario della nascita, all’interno del progetto “La Sicilia, il suo cuore” (31 luglio).

Il Cretto di Burri sarà il palcoscenico de “La Nuova Commedia”, un percorso artistico inedito ispirato all’opera di Dante, arricchito dalla danza di Virgilio Sieni con il suo “ParadiseNow#Gibellina”, dalla performance di Sergio Rubino che rilegge “La Vita Nova” e dal viaggio dantesco del cantautore Vinicio Capossela nel suo “Bestiale Commedia” (5,6,7 agosto).

Le Orestiadi diventano, quindi, anche un formidabile attrattore per il turismo”. La partecipazione agli spettacoli è su prenotazione esclusivamente online su www.fondazioneorestiadi.it. Biglietti da 10 a 15 euro. Abbonamento (esclusi gli spettacoli del 5 e 7 agosto al Cretto), 70 euro. Lo spettacolo “Bestiale Commedia” di Vinicio Capossela ha un costo di 20 euro (intero), 15 euro (ridotto). Informazioni al numero 0924. 67844.