Interventi e programmi estivi a Castellammare, “strana coppia” critica giunta e fa proposte

Ogni anno, con l’estate alle porte, ascoltiamo il ritornello della programmazione estiva e degli eventi. Ogni anno si richiede di disegnare una strategia per la città, si imbandiscono tavoli tecnici, con pochi tecnici del settore, e si giunge ad un programma improvvisato e poco originale a ridosso dell’estate. Così attacca il duro comunicato congiunto di CambiaMenti e Cantiere Popolare, una ‘strana coppia’ composta da un movimento che nella cittadina del Golfo negli ultimi anni ha rappresentato la sinistra progressista, nemica dichiarata del centro-destra, CambiaMenti appunto, e da uno degli ingranaggi proprio del centro-destra, Cantiere Popolare, il partito dell’ex ministro Saverio Romano che fra l’altro ha pure una consigliera comunale a sostegno della giunta Rizzo.

Rispetto allo scorso anno, si legge nel documento congiunto, lo scenario odierno è significativamente differente. La campagna vaccinale procede in modo programmatico rappresentando di fatto la luce alla fine del tunnel ma è necessario e doveroso mantenere alta la guardia. Un’amministrazione attenta incrementerebbe gli sforzi e le risorse investite nel turismo per far fronte ad ogni possibile peggioramento o miglioramento cagionato dalla pandemia, – affermano i due gruppi guidati dal giovane medico Enzo Borruso e dall’ex assessore Giuseppe Fausto – affidandosi ad esperti del settore e stilando per tempo una strategia ed una programmazione che permetta di convivere con il virus e di organizzare attività, eventi nel pieno rispetto delle regole.

“Crediamo che sarebbe opportuno privilegiare – aggiungono i gruppi guidati da Enzo Borruso e Giuseppe Fausto – attività in spazi ampi che il nostro territorio possiede come per esempio piazza Petrolo, spesso abbandonata a se stessa; rivalutare la spiaggia Playa con l’istituzione di un adeguato percorso pedonale; definire in modo serio e normato una carta dei servizi relativa alla fruizione dei percorsi naturalistici di Monte Inici,; valutare in modo deciso ed incisivo la possibilità di istituire la ZTL in centro storico e non applicare esclusivamente una cartellonistica che, lo scorso anno, imponeva limitazioni non attive; provvedere ad incrementare il sistema di controllo e di attività dei vigili urbani al fine di prevenire assembramenti, far rispettare l’uso della mascherina ed impedire il parcheggio selvaggio”.

I due gruppi politici, per posizionamento abbastanza lontani ma concordi sull’argomento adesso affrontato, concludono la nota in maniera amara e sarcastica: “Siamo consapevoli che ogni anno Castellammare riesce ad emozionare ed attrarre tanta gente grazie al suo meraviglioso paesaggio. Tuttavia siamo consapevoli – concludono CambiaMenti e Cantiere Popolare – che in molti casi la stessa gente non ritorna per la scarsa offerta di servizi e vivibilità che il nostro paese presenta”.