Gal Golfo di Castellammare, Alcamo rinuncia ad un posto nel direttivo

0
510

Pietro Puccio, sindaco di Capaci,  è stato confermato presidente del Gal Golfo di Castellammare, carica che dura tre anni. Puccio è presidente dal 2011 ovvero da quando venne istituito il Gruppo d’Azione Locale ovvero GAL, strumento promosso dall’Unione Europea per sviluppare piani e programmi di interventi dedicati al miglioramento socio-economico delle comunità rurali. I GAL sono raggruppamenti di partner pubblici e privati che rappresentano sia le popolazioni rurali, attraverso la presenza di enti pubblici territoriali (comuni, province e comunità montane), sia le organizzazioni degli operatori economici presenti nel territorio. Del consiglio fanno parte la confermata Francesca De Luca, il partinicese Totuccio Comito, Antonino Bartellino di Borgetto, Giosuè Maniaci di Terrasini mentre dovrà essere rieletto il settimo consigliere per la rinuncia di Armando Piscitelli, funzionario del comune di Partinico. L’assemblea per la elezione del settimo consigliere è stata convocata per il prossimo 18 giugno nell’aula consiliare di Trappeto dove si procederà anche all’approvazione del bilancio.  Direttore generale è Andrea Ferrarella. La sede del Gal è nella via Porta Stella di Alcamo in un immobile confiscato alla mafia. Ed Alcamo che è stata capofila non è più rappresentata nel nuovo consiglio poiché durante l’assemblea il sindaco Domenico Surdi ha annunciato la rinuncia ad avere un posto nel consiglio del Gal. Decisione che ha sorpreso i presenti. Ricordiamo che il Gal per Alcamo  ha finanziato restauri al castello di Calatubo, la creazione del  museo del suono con gli strumenti di Fausto Cannone e lavori, oggi in corso al castello dei conti di Modica. Pronto anche il finanziamento per il completamento dei marciapiedi di Alcamo Marina quando il Comune presenterà il progetto. Comune di Alcamo ora non presente nel consiglio direttivo per la sorprendente rinuncia.