Donne alcamesi impegnate nel sociale (VIDEO)

Si celebra oggi, 8 marzo, la Festa internazionale della donna, quest’anno particolarmente sentita, soprattutto perché in questi 12 mesi di pandemia sono state proprio le donne a soffrire di più dal punto di vista sociale ed economico. Il 2020 è infatti stato segnato da un tasso più alto di femminicidi e violenze sulle donne rispetto al 2019. L’incidenza percentuale di donne uccise è passata dal 35,2 per cento del 2019 al 41,1 del 2020 (sul totale di omicidi commessi). Sempre di più numerose sono state le donne uccise dal proprio partner o dall’ex per futili motivi o moventi cosiddetti “passionali”, o che comunque hanno subito violenza tra le mura domestiche. Non solo, le donne hanno pagato un prezzo altissimo anche dal punto di vista economico: una su due ha visto peggiorare la propria condizione economica nell’ultimo anno, soprattutto nella fascia di età più giovane. In tutte le città celebrazioni, ma le Istituzioni spesso sono state insensibili alle denunce di violenze e purtroppo si sono registrati decine di casi di cronaca di morte annunciate. Codici rossi, telefoni per aiuti e così via vanno bene e bene utilizzati. Massino rispetto e massima attenzione alle problematiche femminili. Le donne vanno sempre rispettate. Ora ascoltiamo riflessioni e testimonianze di tre donne alcamesi, come tante altre in città impegnate nel sociale. Silvana Giacone presidente del Kiwanis club, vice presidente della consulta comunale delle pari opportunità, l’insegnante Giuseppina Calamia e l’artista Giusy Ferrara.