Enologo camporealese entra nel CDA di FederDoc. Trentenne, ha già prodotto vini premiati

Il camporealese Benedetto Alessandro, agronomo ed enologo dell’omonima casa di produzione vinicola, è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione di FederDoc. Il produttore, consulente anche di varie aziende vinicole dell’Isola, è stato infatti inserito fra i 10 giovani protagonisti delle maggiori doc, scelti fra gli under 35 che la federazione ha deciso di coinvolgere nei Consigli e nelle assemblee della Confederazione Nazionale dei Consorzi volontari per la tutela delle denominazioni di origine. Il camporealese è stato indicato dal Consorzio di Tutela vini Doc Sicilia.

L’obiettivo di Federdoc è quindi quello di far conoscere ai giovani l’attività politica e lobbistica della Federazione, e “formarli” coinvolgendoli nelle principali questioni politiche relative ai vini di qualità. In questa maniera si ottiene il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze in possesso dell’attuale classe dirigente che fa parte del CDA di FederDoc di cui è membro anche il marsalese Antonio Rallo, attuale Presidente del Consorzio di Tutela della Doc Sicilia. Benedetto Alessandro lavora nella sua di famiglia che gestisce appezzamenti di terreni e vigneti a Camporeale e sull’Etna.

Dopo la laurea con lode in Viticoltura ed Enologia all’Università di San Michele all’Adige, ottenuta nel 2012, ha maturato esperienze specialistiche anche in Australia e in Cile. Il giovane enologo ha contribuito a creare quattro vini che sono stati premiati con i celebri Tre Bicchieri.