C/mare del Golfo, Coppola a “L’Espresso”: “Eco si sbaglia”

0
305

La bustina di Minerva, rubrica curata da Umberto Eco, pubblicata sull’ultima pagina de “l’Espresso” dal lontano 1985, questa volta ha fatto indignare i castellammaresi. Il noto scrittore, nel numero dell’17 luglio scorso, si è infatti occupato anche della cittadina del Golfo per cause quantomeno poco lusinghiere. E soprattutto pare che abbia preso un “granchio”. Eco, partendo da una pubblicazione di “Pagine Ebraiche” in cui compare un “elenco commentato di illustri fascisti , razzisti e antisemiti, cui sono dedicate strade in alcuni paesi”, cita proprio Castellammare tra le città che hanno reso onore al “Manifesto della razza”. “Il fatto che più colpisce- scrive Eco – è che a Castellammare del Golfo è stata intitolata una via a Telesio Interlandi (tra l’altro, neppure nato da quelle parti). Telesio Interlandi- aggiunge – non era uno scienziato altrimenti rispettabile (…) ma uno sporco mascalzone che ha dedicato la vita intera e seminare odio razzista e antisemita con la rivista “La Difesa della Razza””.
Accuse che devono aver fatto sobbalzare il primo cittadino Nicola Coppola, che non ha esitato a scrivere direttamente al direttore de “L’Espresso” per “fare alcune precisazioni per amore di verità”, chiedendo di voler chiarire la vicenda.
“Non esiste, nella mia città, alcuna via intitolata a Telesio Interlandi, noto per le sue teorie sul razzismo e per il suo antisemitismo”- dichiara con fermezza Coppola, e aggiunge che “Esiste, in realtà, una via Interlandi dai primi anni del ‘900, intitolata probabilmente al principe Pompeo Interlandi di Caltagirone, morto nel 1866” – e che dunque – “Qualcuno, evidentemente, si è divertito a mettere in giro una “bufala” che è stata presa in considerazione da giornalisti e grandi intellettuali come Umberto Eco”. Il sindaco, ad ulteriore riprova di quanto affermato ricorda che “Telesio Interlandi è morto nel 1965, mentre la via Interlandi esiste a Castellammare dai primi anni del ‘900. È risaputo che non si possono intitolare strade a persone che sono ancora in vita”. “Con tutto il rispetto – dice, infine – sarebbe bene, prima di pubblicare certe notizie fare le dovute verifiche e ricerche. Non si danno notizie che gettano ombre su un’intera città, solo per sentito dire”.

divide in half
Isabel Marant Sneaker Make career in Glamorous World

the self styled singing innkeeper
woolrich outletProper Business Attire for Physical Therapists