Castellammare e palestre coperte: “situazione incresciosa” scrive Mistretta. Quasi pronta agibilità “PalaGalante”

I problemi agli impianti sportivi coperti a Castellammare del Golfo, attualmente nessuno disponibile per le società sportive, non poteva lasciare indifferente il consigliere comunale Nino Mistretta, ex assessore provinciale ma soprattutto ex giocatore di basket e medico sportivo. L’esponente della minoranza consiliare, notando che la cittadina del Golfo rischia di certificare la morte proprio della pallacanestro, disciplina che a Castellammare ebbe i primi albori addirittura nel 1930, è sceso alla carica con un’interrogazione presentata al sindaco Nicola Rizzo e all’assessore allo sport Maria Tesè.

“Preso atto  che allo stato attuale nessuna delle tre palestre coperte che si trovano in città (Bonanno, Palagalante della Pitrè e quella del Mattarella) è nella disponibilità delle società sportive locali – scrive Mistretta -è stato constatato che si tratta di un fatto certamente grave e che sta facendo scomparire attività giovanili e di avviamento allo sport  come il mini-basket e il mini-volley, costringendo i genitori a rivolgersi alle organizzazioni sportive della vicina Alcamo, con i conseguenti gravi disagi logistici ed economici, ma soprattutto con il far  venir meno lo spirito  della appartenenza sportiva”.

“Considerato ancora che,  addirittura,  una nostra società di calcio a 5  femminile che milita in A/2, è costretta ad effettuare le partite di campionato fuori dalla nostra città”, Nino Mistretta chiede al sindaco Rizzo se sia a conoscenza del disastro sportivo che attualmente vivono le società locali di basket pallavolo e altre discipline e soprattutto quali iniziative l’amministrazione comunale intende intraprendere affinché, al più  presto, si  possa porre  rimedio a questa incresciosa situazione”.

Intanto arrivano un paio di novità positive. I vecchi baskettari castellammaresi che si sono messi in moto per salvare il salvabile sono riusciti ad ottenere la palestra della scuola Pascoli e a giorni lo Splash dovrebbe riuscire ad avviare i corsi di minibasket. Inoltre a brevissimo dovrebbe essere pronta la certificazione antincendio del Palagalante ed alla prossima settimana gli alunni della Pitrè potranno effettuare finalmente le lezioni di educazione fisica al coperto mentre le società sportive interessate produrranno le domande di utilizzazione della palestra.