Caretta-caretta, l’attenzione si sposta sull’altro nido