Alcamo-Vino & Olio 2017, stand e degustazioni per promuovere l’agricoltura

0
687

Trenta cantine con stand e degustazioni di vino. Dieci aziende agro-alimentari che presenteranno i loro prodotti. E’ questo uno dei biglietti da visita della nona edizione della rassegna “Vino & Olio 2017”, organizzata dall’istituto Superiore Mattarella – Dolci di Castellammare del Golfo e Alcamo, in collaborazione con la rivista “Cronache del gusto” diretta dal giornalista Fabrizio Carrera. Si tratta di un’iniziativa che mira a promuovere il nostro territorio  coinvolgendo non solo le istituzioni, ma anche enti locali, amministrazioni, imprese e aziende del settore agro-alimentare. E in tale contesto si inserisce l’incontro di sabato prossimo, alle 11 all’Hotel Centrale, con i produttori nell’ambito di Vino & Olio, che inizia venerdì per concludersi domenica sera. Lo scopo dell’incontro al Centrale è quello di rilanciare la Doc Alcamo. All’evento sono coinvolti  i protagonisti della filiera: dall’azienda agraria, ai  laboratori di trasformazione e ancora studi di marketing e commercializzazione per sostenere e a promuovere attività didattiche e culturali legate sia al comparto agricolo, (in particolare ai settori da sempre particolarmente dediti alla produzione di olio extravergine di oliva e vini di grande qualità), sia ai settori delle trasformazioni industriali, del turismo e della cultura, delle analisi ambientali e bioalimentari. Il  Mattarella-Dolci è impegnato a coinvolgere  cittadini, imprenditori e  autorità locali, in un confronto con le realtà produttive del territorio, che siano da stimolo alla crescita del settore agricolo, capace di creare posti di lavoro. La kermesse   si terrà il 19, 20 e 21 prossimi in piazza Ciullo. Previsti, durante la tre giorni di Vino & Olio,  momenti di formazione e di dibattito, percorsi di degustazione, banchi di assaggio  ed incontri con i protagonisti del settore. Si lavorerà anche nella direzione  di far conoscere gli aspetti di quella produzione alimentare che punta sulla qualità e l’impegno degli imprenditori agricoli a  mantenere la tradizione del prodotto stesso.