Alcamo, la via dei rifiuti dello “Spazzatour”

0
312

Un raccapricciante reportage sulla incredibile “Via dei rifiuti”, un tortuoso e criminale percorso lungo il quale si intrecciano commerci e interessi che travalicano i confini nazionali; un sistema corrotto che si accaparra gli scarti per immetterli nel circuito vizioso produzione-raccolta-smaltimento, trovando spesso facile sponda in amministratori incapaci, o peggio. È quello che emerge dal docu-film “Spazzatour”, regia di Emilio Casalini, che verrà proiettato su iniziativa del MoVimento 5 Stelle domenica alle ore 18.00 al Caffe’ Nannini e a cui tutti gli alcamesi sono invitati ad assistere. Seguirà un dibattito con Chiara Cavallino dell’associazione “RifiutiI Zero” di Trapani. Secondo il Movimento “prendere coscienza dei sistemi di produzione, di come vengono smaltiti i rifiuti e soprattutto dell’enormità di interessi e clientele che assieme ai rifiuti si muovono è già il primo passo verso la soluzione”. Il filmato, con cui Emilio Casalini di Report ha vinto la sezione del Premio Ilaria Alpi “miglior reportage breve”, descrive il viaggio dei rifiuti tossici dalle nostre campagne e città verso la Cina, dove vengono rilavorati senza alcuna tutela per le persone e per l’ambiente, oltre ad essere poi impiegati come materia prima per prodotti che finiscono anche nelle mani dei bambini come i giocattoli.

Il tutto danneggiando l’economia italiana del riciclo che si vede privare di risorse necessarie e i produttori che devono competere con i prezzi sottocosto di prodotti scadenti e nocivi. Un cineforum promosso dal Movimento 5 Stelle – per il quale la tutela dell’ambiente è sempre un bene prioritario – con l’obiettivo di far percepire il rifiuto come risorsa di cui deve beneficiare l’intera collettività e quindi di promuovere e premiare il riuso creativo, il riciclo e il compostaggio. Non manca una stoccata all’amministrazione Comunale da parte dei “5 stelle” che, nell’invito rivolto ai cittadini ad assistere al reportage, pongono l’accento sulla necessità di “praticare la massima trasparenza su appalti, contratti, assunzioni e quant’altro”, e di “rendere finalmente operativa la Delibera di adesione alla “Strategia rifiuti zero” emanata – sottolineano – da uno dei tanti predecessori dell’attuale assessore all’ambiente”.

“Un Cittadino Informato, – concludono – è un Cittadino che può scegliere, che può decidere, che può esigere”.

4 point of view of the top tilted down
woolrich jassen Why Buy Wholesale Fashion Jewelry

kate middleton dares julia roberts slit dress outfit
Isabel marant saleFlavor Your Favors Wedding Party Favors Giveaway