Alcamo-Foto dei bambini per raccontare la città

0
516

Una macchina fotografica a tracolla. Le lezioni impartite da esperti. E poi in giro a cercare di cogliere aspetti e volti della città di Alcamo, che incuriosiscono i bambini e che vengono lasciati al loro libero arbitrio. Sono stati loro i protagonisti del corso di fotografia per gli under 12, che ha promosso l’Associazione settima arte, presieduta da Vincenza Lungaro. Le foto, un centinaio,sono state esposte lungo il corso stretto ed hanno attirato curiosità e ammirazione quando è stato scoperto che autori sono stati bambini tra i 5 e i 12 anni. Il corso, svoltosi al cinema Esperia, sarà ripetuto considerato il successo riscosso. Le iscrizioni, al cinema Esperia, sono aperte sino al prossimo 10 giugno. Il corso si intitola “Dal mio punto di vista” ed è stato tenuto dai fotografi Raffaele Patella, Francesca Bosco, Girolamo Bongiovanni, Tommaso D’Angelo e Giuseppe La Colla. Lezioni di teoria al cinema Esperia, di corso VI Aprile e poi in giro a scattare foto, lasciato alla libera fantasia dei bambini. Oggi più che mai in un mondo invaso da telefonini, tablet etc in grado di scattare foto che rimangono solo in tali oggetti,  è tornata la necessità del cartaceo: foto da inserire in un album e sfogliarlo per rivedere importanti eventi che hanno coinvolto la famiglia. Come per esempio battesimi, matrimoni e tanto altro. L’album fotografico è tornato di grande utilità. Sfogliare un album. Avere il contatto con il cartaceo ha un fascino particolare: sa di intimità e complicità tra persone che si vogliono bene. Invece con la visione sui telefonini vediamo teste che si ammassano per vedere un’immagine dimenticata dopo la visione. Ogni giorno vengono scattate milioni di foto con telefonini ed altro, foto nel 90 per cento dei casi inutili, ma che si perdono anche quelle ritenute importanti. Da una recente inchiesta è emerso che migliaia di persone che avevano festeggiato per esempio il primo compleanno del figlio o figlia, bombardati e tempestati di flash delle apparecchiature elettroniche alla lunga si sono accorti di non avere una foto per ricordare quell’evento. Il ritorno alle foto da inserire in un album è un fatto importante anche dal punto di vista culturale ed è importante ai bambini insegnare a fare foto con le macchine fotografiche. L’iniziativa “Dal mio punto di vista” si inserisce nei progetti dedicati ai giovani che vede nei titolari del cinema Esperia Francesco Pipitone e la moglie Vincenza Lungaro, impegnati in tante iniziative. Scattare una foto e poi poterla ammirare e rigirare il cartaceo tra le mani da tante soddisfazioni così come vedere un film nelle sale cinematografiche è tutta un’altra cosa rispetto alla Tv, dove le massacranti interruzioni per pubblicità, Tg e altro fanno perdere il filo del racconto, il ritmo in  un film d’azione. Insomma si perde  il piacere di vedere o rivedere una bella pellicola.