Alcamo: Ferrovie, ordinanza del sindaco

0
345

ALCAMO – Via le fronde degli alberi che sporgono dai terreni privati e che costituiscono un grave pericolo per i treni che attraversano il tratto ferroviario di Alcamo. Il sindaco Sebastiano Bonventre ha emanato un’ordinanza con carattere “contingibile e urgente” in cui viene intimato ai proprietari terrieri, da cui sporgono alberi e verde verso la tratta ferroviaria, di procedere immediatamente alla potatura. Sono stati gli stessi vertici delle Ferrovie dello Stato a sollecitare l’intervento del primo cittadino per eliminare il pericolo che insiste lungo la rete ferroviaria dove vi sarebbero decine di rami che ostruiscono la corretta visuale dei macchinisti quando attraversano la città. “La richiesta – scrivono dalle ferrovie – viene avanzata in considerazione dei gravi effetti che la caduta di vegetazione presenta sulle aree ferrate. Ciò si è constatato lo scorso mese di novembre quando vi fu un’eccezionale ondata di maltempo e notevoli furono i disagi causati ai treni che attraversavano la tratta”. Per i proprietari dei terreni potrebbe persino configurarsi il reato di “interruzione di pubblico esercizio ferroviario” come fatto presente nella missiva dagli stessi vertici delle Ferrovie dello Stato. In realtà l’ordinanza del primo cittadino è semplicemente un “rafforzativo” di una normativa che già esiste in tal senso: si tratta del decreto del presidente della Repubblica risalente al 1980 e che prescrive che “lungo i tracciati della ferrovia è vietato far crescere piante o siepi che possano interferire con il passaggio dei convogli”. Ci sono stati oltretutto, anche se non in Sicilia, dei precedenti di incidenti e danni causati proprio dalla vegetazione che dai terreni provati sporgeva verso i binari. Proprio per evitare che certi episodi possano verificarsi anche lungo la tratta ferroviaria alcamese, il sindaco ha provveduto a dare vita a questo provvedimento.