Alcamo-Domenica delle Palme, al vita i riti per la Santa Pasqua

0
506

Cade il 14 aprile, ovvero domenica prossima, la Domenica delle Palme, festa della tradizione cattolica. Secondo il calendario liturgico è la domenica che segna l’inizio della Settimana Santa, gli ultimi giorni della vita di Gesù Cristo, e precede la domenica di Pasqua. È osservata dai cattolici, dagli ortodossi e dai protestanti, e cade durante la Quaresima, che termina giovedì, primo giorno del cosiddetto “Triduo Pasquale”. Il Triduo è quel periodo che viene celebrato tra la fine della Quaresima, i 44 giorni che iniziano con il mercoledì delle ceneri, e il Tempo pasquale, che va dalla domenica di Pasqua al giorno di Pentecoste, cinquanta giorni più tardi, e celebra la discesa dello Spirito Santo e la conseguente nascita della Chiesa. La Domenica delle Palme ricorda l’ingresso a Gerusalemme di Gesù, che, come raccontato nel Vangelo secondo Giovanni, fu accolto da una folla festante, che Lo salutò agitando rami di palma. Ad Alcamo vendita domenica davanti alle chiese dei ramoscelli di palme e d’ulivo simbolo della pace. In programma domenica prossima anche la via Crucis per le principali vie di Alcamo, organizzata dalla Pro Loco, Uscirà dalla parrocchia Cappuccini-Sant’Anna alle 16. Le rappresentazioni più importanti in piazza della Repubblica: l’ultima cena, il processo, la flagellazione e si concluderà nel viale Italia con la Crocifissione e la Resurrezione. I riti di Pasqua proseguiranno giovedì 18 aprile con la cerimonia della lavanda dei piedi, preceduta dalla Santa Messa. E sempre giovedì sera chiese aperte per le visite e per un momento di preghiera dove si conserva l’Eucarestia. Le visite alle chiese seconda la credenza popolare, ma non della chiesa, debbono essere di numero dispari. Nella chiesa Madre di Alcamo spiccano i “lavureddi”, ovvero chicchi di grano fatti germogliare al buio all’interno di vasi. Per venerdì pomeriggio, uscita dalla chiesa di Santa Oliva, è in programma la processione del Cristo Morto e dell’Addolorata dove destano tanta curiosità bambini e bambine vestite da angioletti, suore e così via.  Sabato sera, 20 aprile, le chiese aprono le porte per la celebrazione della Santa messa. Nella chiesa Madre di Alcamo un macchinario del settecento proietta il Cristo risorto verso l’alto mentre contemporaneamente viene fatto calare il telo che ha coperto l’altare maggiore e le campane suonano a festa per la Resurrezione. La domenica di Pasqua tantissimi fedeli assistono alle Sante Messe e numerosissime famiglie scelgono i ristoranti per un lauto pasto. Lunedì dell’Angelo gita fuori porta con riapertura di centinaia di case di villeggiatura, specialmente ad Alcamo Marina dai cui piazzali si leva il profumo del fumo per l’arrosto di carciofi, salsiccia e vari tipi di carne con particolare riferimento all’agnello e al castrato. Le tradizioni della Settimana Santa ad Alcamo sono raccontate nel libro “Le sabbia colorate” dello storico Carlo Cataldo.