Alcamo, domani la giornata del “Compostiamoci bene”

0
362

Gli studenti degli istituti comprensivi di Alcamo e le associazioni del WWF, Legambiente e Laurus saranno coinvolti, domani, attraverso una simulazione, in una giornata interamente dedicata a far conoscere e diffondere il compostaggio domestico. “Compostiamoci Bene” è infatti il titolo dell’incontro, organizzato dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Alcamo, con la collaborazione delle associazioni Zero Waste Sicilia, Orza e Aimeri Ambiente, presso il parco sub-urbano di Piazza Bagolino, partire dalle ore 9.30.

Scopo dell’iniziativa: sensibilizzare quanto più possibile gli alunni e i loro familiari. Si daranno, infatti, istruzioni e consigli per usare da soli la compostiera e produrre il proprio compost, ottimo fertilizzante per la terra. Inoltre, sarà consegnata una simulazione di riduzioni dei costi della tassa sui rifiuti per chi usufruisce del compostaggio, secondo le attuali previsioni e secondo la proposta di modifica avanzata dall’assessore all’Ambiente. I cittadini, come si legge in una nota del Comune «possono ottenere un vantaggio diretto sulla tassa e un vantaggio a lungo temine (infatti se il comune riduce i conferimenti di rifiuti organici in piattaforma, automaticamente si riduce il piano finanziario della tassa e conseguentemente la tassa a carico degli utenti) ».

L’assessore all’Ambiente, Salvatore Cusumano, ricorda che «il compostaggio è una pratica che consente di “chiudere” il ciclo della sostanza organica a livello familiare, evitando che la parte organica di scarto diventi rifiuto, permette di trasformare gli avanzi di cucina, gli scarti dell’orto e del giardino in un cumulo chiamato Compost, mediante un processo biologico di ossidazione (compostaggio)».

Con tre chili di rifiuto umido si ottiene un chilogrammo di compost e le sostanze che possono contribuire a produrlo sono innumerevoli: dagli scarti di frutta e verdura, ai fondi di caffè, agli sfalci di potature e molto altro che normalmente finisce nella pattumiera di casa. Tra l’altro costruire una compostiera perfettamente funzionante non sarebbe poi così difficile: con pochi euro, qualche attrezzo e una buona manualità, si può realizzare in casa, e i materiali necessari si possono reperire in una qualsiasi ferramenta. Le finalità del compostaggio sono note e molteplici: dare un contributo significativo alla corretta gestione dei rifiuti, diminuendo le quantità che devono essere smaltite; ridurre i costi di raccolta, trasporto e conferimento di rifiuti organici; limitare i rischi di inquinamento delle acque di falda e di produzione di gas maleodoranti in discarica; garantire la fertilità del suolo, soprattutto con l’apporto di sostanze organiche; promuovere la produzione e l’utilizzo diretto da parte dei privati cittadini del compost stesso.