Alcamo-A fuoco furgoncino nel centro storico, ipotesi dolo

Un rogo questa notte ha completamente devastato un furgoncino Iveco ad Alcamo. L’incendio si è verificato poco dopo le 3 in via Andrea Doria, nel cuore del centro storico, arteria che sbocca sulla principale via Vittorio Veneto. Ad intervenire i vigili del fuoco del locale distaccamento che hanno potuto fare ben poco contro le altissime lingue di fuoco. Le fiamme infatti hanno aggredito l’intero veicolo che quindi è stato quasi del tutto distrutto: i danni ammontano a diverse svariate migliaia di euro. Sul posto anche i carabinieri che hanno avviato le indagini. Il mezzo risulta essere intestato ad un uomo quarantenne, già noto alle forze dell’ordine. I pompieri, nel loro referto, hanno evidenziato che non sono stati rinvenuti elementi che possano dare certezze riguardo alle cause che hanno scatenato il fuoco. I carabinieri però sembrano propendere per il dolo, al di là degli accertamenti tecnici fatti dai vigili. Perché se da una parte non sembrano esserci prove evidenti del dolo, dall’altra invece si percepisce nei pressi dell’auto un’evidente puzza di benzina. L’impressione quindi è che il mezzo possa essere stato cosparso di liquido accelerante e dato alle fiamme. Ipotesi che viene in qualche modo confermata anche dalla strana velocità con cui le fiamme si sono propagate in tutto il veicolo, sino a carbonizzarlo quasi del tutto. I militari dell’Arma al momento comunque non escludono alcuna pista: si vaglia l’incendio accidentale così come invece una possibile intimidazione. Gli inquirenti stanno quindi verificando la posizione del proprietario del furgoncino e dei suoi più stretti familiari per cercare anzitutto di capire se ci possono essere dei possibili moventi nell’ambito della loro vita privata. Magari dissidi che possono essere sfociati in questo gesto con il fuoco, pratica che oramai in zona è molto utilizzata da qualche anno a questa parte anche per piccoli regolamenti di conti mentre prima era ascrivibile ad un certo livello di criminalità organizzata. Si tratta dell’ennesimo incendio che si verifica ad Alcamo e nell’hinterland ai danni di veicoli ed abitazioni: ad essere stati colpiti semplici cittadini ma anche pregiudicati, professionisti, imprenditori, impiegati della pubblica amministrazione e persino forze dell’ordine.