“Bisogna accelerare i tempi di sottoscrizione dell’accordo di co-marketing in favore dell’aeroporto di Birgi. Il traffico aereo è fondamentale per le attività produttive del nostro territorio e farne a meno è impensabile”.

Lo afferma il segretario generale Uil Trasporti Trapani Giuseppe Tumbarello, esprimendo preoccupazione per l’accordo tra i Comuni della provincia per la permanenza all’aeroporto “Florio” della compagnia Ryanair che tarda ad arrivare.

“La diminuzione progressiva dei voli da e per Trapani – aggiunge – avrebbe conseguenze estremamente negative per una provincia votata al turismo come la nostra. Ne resterebbero penalizzati anche i settori dell’indotto”.

In effetti, confermando il trend degli ultimi anni, anche il 2016 si è chiuso con una contrazione di passeggeri: in base ai dati resi noti da Assaeroporti lo scorso anno il “Vincenzo Florio” ha chiuso con un calo del 5,9 percento di passeggeri. In transito 1.493.519 unità: per l’esattezza i passeggeri nazionali sono calati del 3,7 per cento, quelli internazionali addirittura del 12,9 per cento. E i numeri negativi sono anche dovuti alla riduzione dei voli programmati da Ryanari nello scalo, frutto del braccio di ferro con i Comuni del trapanese che non hanno rispettato i tempi di pagamento dell’accordo di co-marketing.

«Ovviamente – secondo Tumbarello – sarebbe opportuno trovare dei vettori alternativi a Ryanair che operino su Trapani, ma questo non vuol dire che dobbiamo rinunciare alla compagnia aerea irlandese. Le istituzioni hanno il dovere di fare tutto quello che è possibile non solo per fare sopravvivere il nostro aeroporto, ma anche per farlo crescere, ad esempio meglio collegandolo al territorio tramite l’asse viario e quello ferroviario. A tal proposito, finalmente sono state stanziate le somme per la bretella di collegamento Trapani-Mazara del Vallo nell’ambito del Patto per la Sicilia, adesso – conclude il segretario Uil – sarebbe il momento di recuperare la vicina linea ferroviaria di Mothia-Birgi (Ragattisi), ormai fatiscente, ma che tanto potrebbe dare all’aeroporto trapanese”.

Share.
SHARE
OR
SCARICA LA NOSTRA APP