Un anno fa l’omicidio Corrao

    Un anno fa veniva assassinato Ludovico Corrao, ex parlamentare ed ex Sindaco di Gibellina. Fu accoltellato nella sua dimora di Gibellina. L’autore del reato confessò subito l’omicidio. Sitratta del giovane domestico di 21 anni originario del Bangladesh, Saiful Islam che è stato poi condannato.

    Corrao fu colpito con una statuetta alla testa e ucciso con più colpi di coltello al collo e ai polsi. Il giovane domestico, secondo quanto raccontato da lui stesso agli inquirenti, avrebbe perso la calma dopo una lite con l’ex sentatore ottantaquattrenne. Il ventunenne, dopo l’omicidio, ha poicontattato i Carabinieri di Gibellina confessando il tutto: “Venite, ho ucciso il senatore”. La stessa confessione l’avrebbe fatta poco dopo al direttore organizzativo della Fondazione Orestiade, Michele La Tona.

     

    Ludovico Corrao era un uomo di elevatissima cultura, apprezzato in Sicilia per il suo impegno per l’Isola durante l’attività da parlamentare. Inoltre dopo il terremoto nel Belice, fu uno dei principali promotori della ricostruzione culturale e artistica.

    L’autopsia ha stabilito che Corrao è stato prima colpito da un corpo contundente, a quanto pare una statuetta, poi colpito con un coltello dall’assassino. Recise le vene dei polsi, il petto e la gola a cui sono state tagliate anche le corde vocali e questa sarebbe stata la causa della morte.

     

    Corrao, alcamese, era stato parlamentare della DC e aderente al Milazzismo, poi senatore del PCI, avvocato e uomo di profondi rapporti culturali con i Paesi del Maghreb.

    A Gibellina furono proclamati tre giorni di lutto cittadino. Presenti i figli, i più stretti colaboratori, amici e autorità politiche, sociali e culturali da sempre vicini all’uomo del mediterraneo ai funerali. Oggi esiste la fondazione da lui creata, le Orestiadi, punto nevralgico e centrale dell’incrocio di culture del mediterraneo. Su di lui un libro edito da Ernesto Di Lorenzo editore crato da Baldo Carollo, l’intitolazione del circolo di Legambiente di Alcamo e altre citazioni importanti alla memoria.

     

    AP