‘Trekker del Golfo’, l’impresa a cavallo si conclude il 23 dicembre

“Il 23 dicembre saremo in centro città, ai “quattro canti”, ad attendere i “trekker del golfo”, i nostri concittadini Gianni la Piana e Vito Lentini, che stanno portando a termine la loro difficile impresa del giro d’Italia a cavallo e che rientrano a Castellammare del Golfo. Li accoglieremo per complimentarci per l’impresa che apprezziamo e sosteniamo perché è un esempio di solidarietà e grande forza di volontà: ammirevole iniziativa di beneficenza rivolta ai più deboli ed esempio di convivenza, amore e rispetto per gli animali e la natura». Lo ha detto il sindaco Nicola Rizzo poiché il 23 dicembre rientrano a Castellammare del Golfo, “I trekker del Golfo”: praticamente conclusa l’iniziativa da guinness dei due castellammaresi La Piana e Lentini che a ferragosto, in compagnia degli splendidi cavalli Fulmine e Nadhir, sono partiti da Trieste per il giro d’Italia con l’obiettivo di raccogliere fondi per bambini disabili che hanno bisogno di ippoterapia. Dopo 130 giorni a cavallo, Gianni La Piana e Vito Lentini, con sempre in primo piano la bandiera della trinacria in sella ai loro cavalli arabi, stanno per tagliare il traguardo coronando il loro sogno: poco prima di Natale, proprio come avevano previsto, precisamente il 23 dicembre alle ore 11, taglieranno il nastro d’arrivo ai quattro canti di Castellammare del Golfo. I due intraprendenti castellammaresi hanno scelto di percorrere circa 40-50 chilometri al giorno, noncuranti di pioggia e freddo, ricevendo ospitalità e ristoro da quanti li hanno accolti con disponibilità ed affetto: il ricavato ottenuto con donazioni e sponsor, sarà devoluto dai trekker alle associazioni della provincia di Trapani che si occupano di ippoterapia, per sessioni rivolte a bambini disabili di famiglie indigenti e a bambini castellammaresi. I due trekker del Golfo stanno documentando giorno per giorno il loro difficile viaggio “alla scoperta di nuovi tramonti” per avvicinare al mondo dei cavalli ma soprattutto raccogliere fondi per bambini che necessitano di ippoterapia.