Trappeto: sindaco aggredito, finisce in ospedale

TRAPPETO. Cerca di sedare una rissa ma viene colpito da un pugno e finisce in ospedale. Protagonista dell’episodio il sindaco di Trappeto, Giuseppe Vitale, rimasto questa notte vittima di un pugno sferrato da un ragazzo appena maggiorenne che lo ha mandato ko. Per lui la corsa in ospedale e fortunatamente alla fine gli è stata riscontrata solo una piccola contusione giudicata guaribile in pochi giorni. Ad indagare il commissariato di polizia di Partinico che al momento ha archiviato il caso come un alterco e non in “rissa”, motivo per cui non è scattata alcuna denuncia. Da vedere se il sindaco deciderà di sporgere denuncia: a quel punto la posizione dell’aggressore cambierebbe. Il fatto è avvenuto in centro storico: Vitale, di ritorno da una manifestazione, si è accorto delle urla provenienti da una stradina e avvertendo che potesse verificarsi qualcosa di grave ha deciso coraggiosamente di intervenire notando due ragazzi, un maggiorenne di Partinico ed un minorenne extracomunitario ospite di un centro di accoglienza, che se le stavano dando di santa ragione. Una lite che rischiava di degenerare: secondo la ricostruzione del commissariato l’extracomunitario aveva una grossa pietra in mano minacciando di colpire il suo coetaneo. Il primo cittadino è quindi immediatamente intervenuto per evitare che la situazione potesse degenerare. Nel frattempo è arrivato sul posto anche il padre del giovane partinicese il quale, convinto che stessero aggredendo il figlio, è intervenuto energicamente con una mazza di legno. Nel marasma generale il ragazzo partinicese ha sferrato un pugno colpendo alla testa il sindaco, all’altezza dell’orecchio, e con la mazza gli è stata anche contusa la mano. Un colpo che ha tramortito Vitale: immediatamente sono scattati i soccorsi. Un’ambulanza del 118 ha trasportato il primo cittadino all’ospedale di Partinico mentre la polizia ha riportato la situazione alla calma ed ha proceduto all’identificazione dei protagonisti dell’alterco. Il sindaco, dopo una serie di accertamenti da parte dei sanitari, è stato dimesso all’alba di oggi: gli è stato riscontrato un trauma cranico e alla mano giudicati guaribili in tre giorni. Secondo gli agenti quanto accaduto, anche grazie all’intervento coraggioso del primo cittadino che ha impedito “fisicamente” l’utilizzo di oggetti contundenti in attesa dell’arrivo della volante, non può essere considerata una “rissa”. Resta però aperto il caso dal momento che c’è di mezzo un ferito. Il numero minimo di giorni di prognosi non fanno scattare d’ufficio la denuncia per aggressione.

Here you can bike
woolrich arctic parka Adidas WOMEN’S ADICROSS SPORT GOLF SHOES BLACK

Handbags are functional creations that exude elegance
woolrich bolognas spring 2013 fashion show