Trapani-“Stragusto”, tante novità al festival del cibo da strada

0
286

 

Pane ca meusaManca una settimana a Stragusto, l’appuntamento diventato ormai consueto a Trapani per celebrare la convivialità, il gusto per i cibi autentici, l’originalità e Stragusto5l’atmosfera tipica dei mercati. Il festival del cibo da strada è arrivato alla sua ottava edizione, con il suo concentrato di sapori, odori, colori e voci. In programma cinque giorni di incontri Stragusto2e degustazioni in uno scenario unico e suggestivo, quello della piazza dell’antico Mercato del Pesce, nel cuore di Trapani, che rivive nella sua dimensione naturale. Un evento, atteso da turisti e appassionati, che raccoglie diverse espressioni del mondo dello street food, con le sue tradizioni ma anche con le sue innovazioni, perché il cibo di strada è in continua evoluzione insieme alle abitudini ed ai gusti dei popoli. Ancora una volta si potrà percorrere un viaggio ideale tra i sapori regionali ma anche internazionali del cibo da strada. Un vero e proprio itinerario goloso quello della manifestazione. Quest’anno tornano: l’apprezzatissimo lampredotto dello street chef fiorentino Luca Cai, i sapori trapanesi fra rianata, frittura di pesce e dolci e quelli palestinesi con kebab e falafel. Immancabili le prelibatezze palermitane, tra cui il pane cà meusa e quello con le panelle e lo sfincione; i sapori friulani, direttamente dal Mercato del Cibo e del Gusto di Monfalcone tra cui frico, polenta croccante e porcina al vin brulè. Ci saranno anche i sapori delle feste con dolci tipici preparati rigorosamente a mano e dal vivo ed stand dedicati al “cùscusu” e ai “quagghi”: le melanzane fritte alla palermitana a cura dello chef Francesco Pinello. Si potrà gustare anche “u purpu”, il polpo bollito caratteristico cibo da strada e dei mercati (a cura della trattoria Poseidone) e i sapori delle Madonie con i dolci tipici e il torrone. Direttamente da Porchettiamo, il festival delle porchette d’Italia, i sapori umbri con il panino con la porchetta e quello con l’orecchia di maiale marinata con la senape, il miele e le spezie, e poi saltata alla piastra. Un altro grande ritorno è quello della granita artigianale della Nivarata, il Festival che ogni anno si svolge ad Acireale. Fra le deliziose novità di questa edizione i sapori tunisini con fricassè, brik e altre specialità, i sapori spagnoli con gazpacho, tortillas e natillas, e poi lo street food d’autore dello chef Marcello Valentino: pietanze simbolo del cibo da strada rivisitate con la qualità, l’intensità e la maestria di un grande chef. Oltre alle tante tipicità in degustazione, rigorosamente preparate dal vivo, all’interno dell’evento sono previsti anche diversi momenti di intrattenimento e didattici: ad accompagnare il meglio del cibo da strada ci saranno cooking show e laboratori di cucina. L’obiettivo di “Stragusto”, che ha il patrocinio del Comune di Trapani, è infatti, quello di recuperare e valorizzare il grande patrimonio offerto dai produttori del cibo da strada, veri e propri artigiani del gusto, che tramandano di generazione in generazione la tradizione culinaria della propria zona. Perché lo street food non va solo assaggiato, ma è anche un’eredità culturale da preservare.