Trapani-Si rinnovano vertici dell’Ordine dei commercialisti, eletti tre alcamesi

Tre alcamesi ai vertici dell’Ordine dei commercialisti della provincia di Trapani. Eletti per il quadriennio 2017-2020, tra gli altri, Stefano Asta e Giusy Bosco (per loro si tratta di una riconferma) in qualità di consiglieri dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Un altro alcamese invece è stato eletto come componente dei revisori: si tratta di Michele Ruvolo. Ampia la partecipazione al voto e la coesione dei Commercialisti Trapanesi che sono intervenuti alla votazione in 245 su 339 aventi diritto. Il nuovo Consiglio si insedierà dal prossimo 1 gennaio del 2017. “I commercialisti – afferma il riconfermato presidente dell’Ordine, Mario Sugameli – devono prepararsi ad occupare nuovi spazi sul territorio fornendo saperi e consulenze al mondo produttivo e agli enti locali”.

IL COMUNICATO INTERGRALE DELL’ORDINE

Oggetto: Risultati delle elezioni del nuovo Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dell’Ordine dei
Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trapani per il quadriennio 2017/2020.
Le elezioni del Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di
Trapani hanno riconfermato Mario Sugameli Presidente, e i Consiglieri Giuseppe Martinico,
Stefano Asta, Leonardo Impellizzeri, Roberto Fonte, Salvatore Mucaria e Giusy Bosco, mentre sono
stati eletti per la prima volta Consiglieri Aldo Bassi e Maria Agata Genna. Sono stati eletti come
revisori Giuseppe Cognata Presidente, Francesco Mineo e Michele Ruvolo componenti.
Il Presidente Mario Sugameli ha espresso grande soddisfazione per l’ampia partecipazione al voto e
la coesione dei Commercialisti Trapanesi che sono intervenuti alla votazione in 245 su 339.
Il nuovo Consiglio che si insedierà dal 01/01/2017, nell’ottica della continuità e di incentivare la
cooperazione tra gli iscritti, ha l’obiettivo di supportare l’attività dei colleghi tutti e dei più giovani
in particolare, indirizzandoli verso percorsi di approfondimento e specializzazione. Il Presidente
Sugameli ritiene che i Commercialisti debbano prepararsi ad occupare nuovi spazi sul territorio
fornendo saperi e consulenze al mondo produttivo e agli enti locali: dalla crisi di impresa con
l’O.C.C. da sovraindebitamento già costituito, ad altri strumenti legislativi che consentano il
risanamento delle imprese, agli incubatori di impresa, allo start up, al supporto alla crescita e allo
sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese. I Commercialisti, sostiene Sugameli, devono
essere ambiziosi, coniugare etica, legalità, rispetto delle regole, principi cardini di un paese civile,
con un approccio sempre più rigoroso e altamente professionale, orientando a cogliere e a far
emergere tutte le opportunità che il mercato può offrire. Quindi mettere in campo quante più
sinergie possibili con la Fondazione, con gli Ordini di altri territori, con altri Ordini professionali,
con le Università e i centri di ricerca, per accrescere l’orgoglio di essere classe professionale
dirigente al servizio della Comunità.