Trapani-Rapina in gioielleria, arrestato giovane

0
340

È finito in manette Carmelo Alogna, 30 anni, trapanese, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata in concorso. La Polizia di Stato di Trapani lo ha arrestato in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal GIP su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Belvisi. I fatti risalgono a circa un anno fa e precisamente al 21 agosto 2015, quando Alogna, con il volto travisato da un casco da motociclista, si era introdotto in una gioielleria nella centralissima via Fardella e, minacciando la commessa con un’arma, si era impossessato del contante e di numerosi oggetti in oro. Dopo la rapina era riuscito a fuggire mentre il suo complice, con funzioni di “palo”, era stato in arrestato in flagranza. Gli uomini della Mobile trapanese, anche attraverso la visione delle immagini di diversi sistemi di videosorveglianza, hanno raccolto indizi precisi e concordanti circa la responsabilità di Alogna. In particolare, l’analisi delle tracce di sangue rinvenute sulla porta d’ingresso dell’esercizio commerciale e lasciate durante le concitate fasi della rapina, ha permesso di estrapolare un profilo genetico compatibile con quello del giovane.