Trapani, Ordine dei medici: “Carichi di lavoro insostenibili”

0
554

L’Ordine dei medici, dopo i due recenti tragici decessi verificatisi al l’ospedale Sant’antonio Abate, interviene sulla situazione della sanità in provincia di Trapani.

 “I drammatici eventi verificatisi al nosocomio trapanese Sant’Antonio Abate sono da imputare più che a malasanità a una mala gestione della sanità”. L’Ordine dei medici di Trapani esprime vicinanza al dolore dei familiari del piccolo Daniel Cesanello e di Pietro Colletta e punta il dito sulle criticità del sistema sanitario provinciale ritenendo “improcrastinabile un’azione di maggiore attenzione alle problematiche sanitarie provinciali”.

“L’Ordine – dice il presidente Rino Ferrari – si propone in maniera forte a tutela della dignità professionale dei propri iscritti, pronto a riconoscerne eventuali e dimostrate responsabilità. Non possiamo, però, al contempo trascurare – prosegue – che la categoria è vessata quotidianamente da carichi di lavoro non più sostenibili a discapito della qualità dei servizi sanitari erogati ai cittadini”.

Il presidente e il consiglio dell’Ordine evidenziano le innumerevoli problematiche di un “sistema sanitario provinciale messo in crisi dai ripetuti tagli che creano carenza di personale medico, infermieristico, assistenziale e di risorse adeguate”.

“Non possono essere più tollerati  risparmi – affermano –  dove è in gioco la vita umana. II medico non può essere considerato il solo responsabile dei fatti di sospetta malasanità perché le responsabilità gestionali, di cui non è partecipe, giocano un ruolo fondamentale. Questo comporta un inevitabile deterioramento della qualità dei livelli di assistenza sia in ambito ospedaliero che del territorio con gravi ripercussioni sulla tutela del diritto alla salute della collettività”.

L’Ordine evidenzia che “all’Asp di Trapani, a fronte di un miglioramento dei conti economici e finanziari, sussistono delle criticità e dei segnali preoccupanti rispetto alla qualità dei servizi sanitari resi ai cittadini”.

L’analisi dell’Ordine fa emergere l’assenza di un filtro nelle aree di emergenza ospedaliere con il conseguente intasamento dei pronto soccorso, la mancata attivazione delle strutture di osservazione breve intensiva nelle aree di emergenza di tutti i presidi ospedalieri, Pta (Presidi Territoriali di Assistenza) non funzionali, la perenne carenza di posti letto nei vari ospedali della provincia con conseguente distribuzione dei pazienti in reparti non di competenza con l’aumentato rischio clinico e i disagi organizzativi dovuti alla presenza di personale medico precario in servizio. Pesanti ripercussioni sul sistema sanitario anche a causa della mancata nomina dei direttori di struttura complessa, nonostante i concorsi siano stati effettuati nel 2012, del distacco dei medici di tutti gli ospedali della provincia all’Ospedale di Pantelleria con la conseguente difficoltà assistenziale nei reparti di provenienza oltre alla mancata attivazione della radioterapia e alla disastrosa situazione dei reparti di Oncologia, proprio per la carenza di risorse umane.