Trapani, LCC darà in gestione “Villino Nasi”. Si pagherà un canone per l’affidamento pluriennale

0
167

La struttura storica del “Villino Nasi”, uno dei luoghi più noti di Trapani, verrà finalmente recuperata e restituita alla fruizione pubblica. Proprio questa mattina, infatti, il Libero Consorzio Comunale, guidato dal commissario Raimondo Cerami, ha pubblicato l’avviso pubblico di manifestazione di interesse per ricercare progetti pubblici o privati che consentiranno la valorizzazione di uno dei luoghi più suggestivi di Trapani.

Con tale iniziativa l’ente pubblico intende concedere in gestione Villino Nasi, in cambio di un pagamento pluriennale di un canone, unitamente alla cappelletta votiva e al giardino di pertinenza. Una maniera per far rivivere il sito attraverso iniziative, eventi, mostre, attività culturali e interventi di conservazione a tutela e salvaguardia del patrimonio del Libero Consorzio. Sarà possibile, inoltre, favorire una migliore qualità dei servizi prestati ai cittadini consentendo all’ente intermedio un contenimento della spesa pubblica.

Il commissario Cerami auspica che i potenziali soggetti in possesso dei requisiti per partecipare all’avviso e che hanno a cuore la promozione e lo sviluppo del territorio trapanese, possano contribuire al processo di valorizzazione del patrimonio immobiliare attraverso il recupero degli altri edifici pubblici che da troppo tempo versano in uno stato di abbandono a causa della crisi finanziaria che tutti gli Enti di area vasta stanno attraversando.

Iniziative come quella dell’affidamento in gestione del villino Nasi permetteranno al Libero Consorzio Comunale di Trapani di perseguire sia la valorizzazione dei beni architettonici, ambientali e paesaggistici che la promozione di tutte le iniziative adeguate allo sviluppo delle risorse del territorio a fini turistici e più in generale per assicurarne la fruizione e il godimento sociale.