Trapani, alimenti scaduti e in pessime condizioni: sequestrate 21 tonnellate

0
349

IMG_3278 IMG_4345Ventuno tonnellate di generi alimentari, destinati alle tavole di ignari consumatori, per un valore complessivo di circa 250 mila euro. Sono stati sequestrati dai militari della Guardia Costiera di Trapani nel corso di controlli presso tre aziende della grande distribuzione, nell’ambito di una più ampia attività di verificane settore alimentare, denominata “Phoenix 3”, disposta su scala nazionale dal Comando Generale delle capitanerie di porto. Il nucleo ispettivo della guardia costiera ha effettuato controlli ad ampio raggio sulla filiera della pesca e, in particolare, in due settimane – quelle che vanno dal 16 febbraio all’1 marzo – ha ispezionato note aziende operanti nel settore all’ingrosso di alimenti nell’hinterland trapanese. Nel corso dei controlli sono stati rinvenuti prodotti sia di origine animale che vegetale privi di tracciabilità ed in scarse condizioni igienico-sanitarie, oltre che scaduti. Alcuni prodotti riportavano la data di scadenza del 2008. Il sequestro cautelare è scattato per la “non conformità conclamata”. I militari hanno anche chiesto l’intervento del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria e quello di Prevenzione della Salute dell’Azienda Sanitaria Provinciale, che procederanno agli accertamenti di natura tecnica per verificare l’idoneità al consumo umano di quanto sottoposto a sequestro. Ai titolari delle tre aziende sono state contestate sanzioni per un importo complessivo di circa 30 mila euro per la violazione delle norme fondamentali in materia igienico-sanitaria e l’inadempienza circa la notifica all’Autorità Sanitaria della dichiarazione di inizio attività.  Sono tuttora in corso indagini al fine di accertare eventuali ipotesi di reato a carico dei rappresentanti delle società oggetto di verifiche.

20150219_115335