Tagli ai trasporti, Antinoro minaccia azione provocatoria

    Continua l’azione di lotta a tutela del territorio delle isole e per contrastare i tagli ai trasporti marittimi del sindaco di Favignana, Lucio Antinoro, il quale ha partecipato, nei giorni scorsi, assieme agli altri sindaci delle isole minori siciliane, ad un incontro presso l’Ufficio isole minori di Palermo con il Coordinamento dei sindaci, e ad una ulteriore riunione con il direttore generale dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Siciliana Vincenzo Falgares, nel corso dei quali sono stati confermati i tagli preannunciati e inseriti nella Finanziaria regionale.

    E’ per questo che Antinoro, in accordo con gli altri primi cittadini, preannuncia un’azione provocatoria “che sappiamo comporterà grossi sacrifici per le nostre isole, ma che è la più coerente per far capire alla Regione, al suo Presidente e gli Onorevoli del territorio, quanti e quali sono i danni subiti da questa manovra”. Una provocazione pari a quella subita con i tagli propinati senza diritto di replica.

    “Nel bilancio regionale – dice Antinoro – ci sono 82 milioni di euro per garantire i collegamenti con le isole minori, a fronte di una necessità di 120 milioni di euro. Questa dotazione di bilancio regionale, detratte le spese che deve fronteggiare la Regione per contenziosi già pregressi, garantirebbe le tratte piene senza riduzioni fino alla fine di settembre. Bene, noi chiederemo di garantire le linee e le tratte senza nessun taglio fino ad allora, fino a fine settembre, poi consegneremo le nostre fasce e le chiavi delle isole al Presidente e con una interrogazione chiederemo platealmente di darci una mano ad amministrare i nostri territori e le nostre isole, perché in questo modo non sappiamo più come fare”.