Sviluppare il talento a scuola

Si è svolto oggi, e proseguirà domani, il seminario di formazione e informazione “Percorriamo insieme la strada giusta” organizzato dall’Istituto Tecnico Statale “Girolamo Caruso” di Alcamo.

L’argomento di oggi con la relazione di dirigenti scolastici della provincia di Trapani, alla presenza del Provveditore Rosario Leone, riguardava l’orientamento attitudinale e autovalutativo quale strumento per sviluppare le potenzialità e le giuste scelte negli alunni, il talento dunque, l’autostima e anche l’insuccesso scolastico.

Insomma non serve solo insegnare e apprendere ma anche capire e comprendere le peculiarità dell’alunno, la specializzazione naturale dello studente e la bravura dell’insegnante, mestiere comunque difficile e in Italia il meno apprezzato in Europa, risiede anche nel percepire, capire e indirizzare lo studente verso le proprie specailità e il proprio talento, valorizzandolo, accrescendolo.

 

 

Ha relazionato Antonio Popolizio, con l’ausilio di grafici e video, slide audiovisivi e pannelli alla presenza dei dirigenti scolsatici della provincia. Popolizio, direttore del centro A.P. che ha parlato delle motivazioni scolastiche, della potenzialità da esprimere a scuola e nella vita, la riuscita o meno a scuola, la scelta della scuola superiore e dell’università e sia dell’orientamento che dell’autorientamento per la realizzazione personale. Interventi anche della Preside del Girolamo Caruso, Vincenza Mione, di marilisa Figuccia, funzionario del Provveditorato e dello stesso provveditore. La scuola è cambiata o cambierà in base ai rivolgimenti sociali già in atto da tempo e chi si ferma è fuori nell’apprendere ma ancor più chi non riesce a valutare il proprio talento è destinato, quasi sempre, a una vita, dunque, fuori lo spazio personale in una condizione poi alla fine pericolosa per la sua stessa realtà sia professionale che sociale.