“Summer Festival 2019”, creditori attendono decine di migliaia di euro. Azioni legali e denunce?

Mentre sta raggiungendo il suo apice, a Castellammare del Golfo, il cartellone estivo 2020 “Un’estate d’istanti”, c’è chi attende ancora i pagamenti del lavoro svolto, spesso con il gran caldo e sotto il sole cocente, in occasione del “Summer Festival”, la rassegna estiva dello scorso anno organizzata dalla giunta guidata da Nicola Rizzo.

Alcune aziende, per un motivo o per un altro, vantano ancora crediti nei confrotni del comune della cittadina del Golfo. Si tratta di alcune decine di migliaia di euro. Gi imprenditori danneggiati hanno già preannunciato e pianificato azioni legali. Due i casi di cui abbiamo certezza, ma ce ne sarebbero anche altri, che riguardano aziende alcamesi.

La ‘Raneri Service” è ancora in attesa, dopo oltre un anno, del pagamento dell’affidamento ricevuto la scorsa estate dall’assessorato guidato da Maria Tesè. Il service audio e luci ha lavorato, impiegando personale e impianti, per tutti gli eventi svoltisi a piazzale Stenditoio, ai piedi del castello arabo-normanno, alla Cala Marina. L’affidamento prevedeva un compenso forfettario di ben 30.000 euro ma l’azienda alcamese non ha visto finora nemmeno un centesimo. Alla base ci sarebbe un cavillo burocratico, probabilmente i tempi della presentazione del DURC, che nessuno aveva mai comunicato alla “Raneri Service” che quindi è andata avanti per tutto il cartellone estivo 2019.

Ancora più incredibile la vicenda dell’azienda “Pronto Energia” di Giuseppe Gugliuzza che ha fornito i gruppi elettrogeni e che avrebbe dovuto ricevere un compenso di 6.000 euro. L’imprendiotre alcamese aveva portato i suoi impianti in fretta e furia, per non fare saltare le manifestazioni, ricevendo una richiesta e un incarico verbale, quindi sulla parola. Da circa un anno la “Pronto Energia” non è riuscita ad avere certezze dal sindaco Rizzo e dall’assessore Tesè.

Una situazione, quella deil’azienda che fornisce gruppi elettrogeni, che si sarebbe potuta sanare con il cartellone 2020. Niente di tutto questo. L’amministrazione comunale castellammarese ha infatti pensato bene di non contattare più la “Pronto Energia”, forse per le difficoltà nel risolvere la spinosa vicenda, e di redigere un affidamento, già pubblicato sull’albo pretorio del Comune, alla Medipower di Marsala.